Perché ci innamoriamo di chi non possiamo avere?

Perché ci innamoriamo di chi non possiamo avere?

Home > Coppia e relazioni > Perché ci innamoriamo di chi non possiamo avere?

Perché ci innamoriamo di chi non possiamo avere? Quale migliore espressione dell’amore esiste che amare contro ogni probabilità, sapendo che quella persona che conosciamo non ci corrisponderà mai? E, allo stesso tempo, c’è qualcosa di più deprimente che amare una persona che sappiamo che non corrisponderà mai?

Eppure, pochi possono vantarsi di non essersi mai innamorati nella loro vita di una persona che non ci amava. Molte sono quelle persone che si sono ritrovate in questo vicolo cieco emotivo, estenuante e devastante per il cuore e per la mente.

Per qualche motivo, tutta l’educazione emotiva che abbiamo ricevuto non sembra sufficiente per impedirci di passare attraverso questo tipo di calvario. E gran parte della colpa è il romanticismo, l’amore e la voglia di difenderlo da queste situazioni.

Non si tratta di provare attrazione per la persona sbagliata ma significa andare a caccia di quella persona che, per vari motivi, non ci vuole o che per circostanze esterne, la tengono fuori dalla nostra portata rendendo impossibile condividere la sua vita con noi. Eppure, non possiamo fare a meno di provare quella attrazione irrefrenabile per quella persona.

In teoria, questo tipo di impulso amoroso contraddice le visioni evolutive delle relazioni di coppia. Se, alla fine della giornata, la fine di ogni relazione è la conservazione della specie, sarebbe molto spiacevole dedicare tempo e fatica nel cercare di conquistare persone che, per quanto interessanti possano sembrare, sono inequivocabilmente al di fuori della nostra portata.

In ogni caso, perché ci innamoriamo? L’attrazione fisica, la simpatia, l’intelligenza dell’altra persona influenzano in un modo o nell’altro, così come quegli elementi intangibili (gli ormoni!) Che determinano anche chi si innamora e chi no. In molti casi, la cosiddetta ansia affettiva svolge un ruolo importante : coloro che sentono la necessità di essere continuamente vicini al loro oggetto del desiderio, hanno una bassa autostima.

La negazione della possibilità di tale prossimità (fisica o emotiva) farebbe aumentare l’ansia, proprio come fanno notare gli psicologi Cindy Hazan e Philip R. Shaver., a livelli insalubri, che aumenterebbero la necessità di cercare quella soddisfazione che si ottiene solo attraverso la conquista della persona desiderata.

Innamorarsi di una persona inaccessibile è un modo per evitare l’intimità amorosa, un modo per mantenere la persona al di fuori di ogni tipo di relazione. Cindy Hazan ha spiegato: “La vicinanza con un’altra persona diventa qualcosa che viene percepita come pericolosa. Alcune persone cercano relazioni in cui l’altra persona le respingerà o le abbandonerà. Ma questo è un modo per sentirsi “al sicuro” dalle vulnerabilità della vera intimità”.

Dunque, molte volte ci innamoriamo della persona sbagliata perché sappiamo che sarà irraggiungibile. Tutto questo succede perché abbiamo poca stima di noi stessi ed abbiamo paura di vivere una relazione seria.