Rifare l’amore dopo un cancro al seno

Le donne che lottano per combattere il tumore al seno sono delle guerriere, ma dopo aver vinto non è facile tornare alla normalità, soprattutto nell'intimità

Home > Coppia e relazioni > Rifare l’amore dopo un cancro al seno

“Non mi sentivo una donna”. Sono parole forti, ma che insegnano molto. Sconfiggere un cancro al seno è davvero difficile, una lotta che solo creature forti come le donne possono intraprendere. La testimonianza di Lucy è commovente.

“Prima di tutto avevo una vita fantastica con mio marito. La nostra intimità era sorprendente, così incredibile infatti, che 12 settimane dopo la nascita del nostro primo figlio, sono rimasta incinta di nuovo. Tutto è cambiato quando ho sentito quel nodulo sul seno. Il più piccolo dei bimbi aveva solo sei mesi e ogni volta che provavo ad allattare, il mio seno sanguinava. Ogni volta che chiedevo alle ostetriche mi dicevano di cambiare metodo, ma quando ho effettuato l’auto palpazione ho capito che non stavo sbagliando nulla” 

tumore-seno

“La paura è arrivata subito. Avevo 31 anni, avevo due bambini sotto i due anni e avevo una forma molto grave di cancro. Il lungo processo di miglioramento è durato tre anni e il mio trattamento includeva una doppia mastectomia, la chemioterapia, la radioterapia, l’eritectina. Nel giro di pochi anni, sono passata da giovane 31 enne festiva a una 70 enne malata. Ero stata messa anche in menopausa. Ero magra, tagliata, calva, non mi riconoscevo.”

seno

“Mi sentivo come se non potessi parlare con nessuno a riguardo. Mi mandarono a fare dei colloqui con altre persone nella mia stessa condizione, ma avevano tutti più di 60 anni. La mia vita intima era passata dalla perfezione ad essere zero. Non avevamo più rapporti. A causa della menopausa indotta ero scontrosa e lunatica. Non avevo mai voglia, finita la chemio mio marito organizzò un viaggio per festeggiare, ma ancora non avevo voglia. Una volta gli ho anche risposto male: sei un pervertito o hai una passione per le donne calve? gli ho detto”

cancro-seno

Voleva fare l’amore perché mi amava, e non voleva farmi sentire ripugnante. Per così tanto tempo ho pensato che fosse stano, ma sai una cosa? mi amava e avevo deciso di accertarlo. Voleva stare con me. 

Perdere il mio amore per l’intimità è stato un lutto. Il processo di guarigione è difficile. Non so come sono diventata così forte, ma ho imparato ad amarmi di nuovo. Mi ha aiutato lui anche quando i miei capelli non ricrescevano. Mi sono resa conto che mio marito non mi avrebbe mai lasciata per nessun’altra. 

Dopo 4 lunghi anni la mia voglia è tornata, pensavo di morire, ma ne sono uscita. Senza mio marito non ce l’avrei mai fatta.”