6 alimenti naturali e super sani di cui dovremmo fregarcene

Salmone, quinoa e semi di Chia. Alcuni superfood non sono poi così super...

 

Siamo vittime della moda, non solo per quanto riguarda l’abbigliamento. Un settore in cui le tendenze, purtroppo, la fanno da padrone è quello dell’alimentazione. Diete di stagione, diete per perdere peso velocemente, miracolosi superfood e integratori: quanto volte vi siete lasciate sedurre?
È capitato a tutte, almeno una volta, soprattutto se avete dato retta al Dottor Google.
Abbiamo deciso di selezionare ben 6 alimenti naturali che dovrebbero fare benissimo alla salute e che invece vanno mangiati con moderazione, perché – moda a parte – in grandi quantità non sono per nulla salutari. Quali sono?

Cavolo nero

cavolo
Cavolo nero

Buono è buono, nulla da dire. Soprattutto nella ribollita. Attenzione però a esagerare. Questa verdura contiene una sostanza nota come tiocianato, che in quantità elevate interferisce negativa con il metabolismo dello iodio, provocando ipotiroidismo. Ciò vuol dire che se state mangiando cavolo nero nel tentativo di perdere peso potreste ottenere l’effetto contrario causando un rallentamento del vostro metabolismo.

Avocado

avocado
Avocado

C’è stato un momento che l’avocado avremmo dovuto metterlo ovunque. Ricchissimo di antiossidanti e di omega 3. Chi non vorrebbe annegare in una tazzina di guacamole? Occhio alla linea, perché se è vero che da un lato fa bene, dall’altro è tremendamente calorico (un po’ come la frutta secca). Un avocado sono circa 250 calorie. Pensatelo in insalata, magari condito con un bel cucchiaio di olio d’oliva. Ingrassate meno con un piatto di riso.

Salmone

salmone

Il principe dei pesci è il salmone, almeno da un punto di vista nutrizionale. Contiene omega 3, vitamina B12, selenio e proteine. È indicato come il cibo più sano al mondo, ma qualcuno si è dimenticato di dirci che contiene mercurio a palate. È il pesce più inquinato e il mercurio causa avvelenamento. Le donne in gravidanza facciano quindi attenzione, mentre tutti gli altri non devono consumarne più di 300 grammi a settimana (ovviamente parliamo di salmone fresco)

Quinoa

quinoa
Quinoa

La quinoa nel corso del 2015 ha vinto l’appellativo di supercibo, perché senza glutine, ricca di proteine, fornisce tutti e nove gli aminoacidi essenziali e sembra essere ideale per tutti, non solo per i vegani. Ha un difetto? La risposta è sì. Contiene saponine, una sostanza chimica naturale che provoca disturbi gastrici e danneggia il rivestimento dello stomaco. Le saponine, utilizzate anche per confezionare saponi naturali, si possono ridurre lavando a lungo la quinoa.

Bacche di Goji

goji
Bacche di Goji

Le Bacche di Goji sono un altro supercibo, soprattutto per l’elevato contenuto di antiossidanti che proteggono dal cancro. Peccato solo che le bacche di Goji sono caloriche esattamente come lo zucchero (grammo per grammo). Se avete problemi di peso non sono adatte a voi!

Semi di Chia

semi-chia
Semi di Chia

I semi di Chia sono ricchi di antiossidanti, proteine, fibre e omega-3. Dovreste aggiungerli alla vostra insalata tutte le volte che vi ricordate, facendo attenzione agli effetti collaterali gastrointestinali. Purtroppo creano gonfiore e relative coliche gassose (molto dolorose), rallentano il transito intestinale perché la digestione richiede molta acqua, inoltre abbassano la pressione e per questo motivo non sono indicati a chi soffre di ipotensione.

Che cosa si può mangiare?

Potete mangiare tutto quello che abbiamo appena elencato, ma con moderazione. Non fate delle diete troppo rigide e non focalizzatevi su un cibo solo, se non volete dover gestire spiacevoli effetti collaterali o, peggio, carenze nutrizionali gravi. Non per essere drammatica, ma non esiste un cibo perfetto o salutare al 100 percento.

 

 

Credist: Pixabay