Arancino o Arancina: consigli per non sbagliare e curiosità

Si dice arancino o arancina? Non importa il modo in cui lo dite: la bontà viene prima di tutto

Home > Cucina > Arancino o Arancina: consigli per non sbagliare e curiosità

Molti vi diranno che non importa come si dice: arancino o arancina sono tra le bontà più conosciute della Sicilia. Da Catania a Palermo, la sfida è a colpi di riso, di punte, di forme rotonde e di ragù. In realtà, i due alimenti sono molto differenti tra loro. L’arancina è rotonda, proprio come un’arancia, all’interno ha il ragù con i piselli e il riso è condito con lo zafferano. Invece, l’arancino è a punta, per richiamare il vulcano Etna, e il suo ragù consiste in pezzetti di carne e carote, senza aggiunta di zafferano.

arancino-arancina

Arancino o Arancina: consigli e curiosità

L’Accademia della Crusca, recentemente, è entrata in gioco nella lotta siciliana. Ha affermato che il modo corretto di dirlo sarebbe arancina, ma ovviamente in Sicilia vigerà sempre questa differenza. E probabilmente è giusto così, poiché, per quanto simili, come vi abbiamo spiegato prima hanno delle differenze sostanziali.

arancina-arancino-consigli

Volete preparare gli arancini o le arancine in casa? Il procedimento è lungo, ma non è così complesso. Come per ogni cibo, basta prepararlo un paio di volte per farlo sempre perfetto. Iniziamo dal riso: dovrebbe essere preparato con poca acqua, aggiunta un po’ per volta, e con il brodo di carne. In seguito, in base alla variante, potete aggiungere lo zafferano o un mestolo di sugo a cottura ultimata.

Dovreste preparare il riso la sera precedente, in modo tale che abbia il tempo di rassodarsi. Poco prima di preparare gli arancini, ricordatevi di aggiungere qualche tuorlo d’uovo, in base alla quantità di riso. Passiamo al ripieno: ragù di macinato o ragù di carne a pezzi? Questo è a vostra discrezione. Ricordate solo di aggiungere i piselli con il macinato e le carote con il ragù di carne a pezzi. Infine, non dimenticate il cuore: un pezzetto di formaggio, cacio cavallo o fontina.

arancino-catanese-punta

Qual è il segreto della ricetta? La panatura. Vi stupirà sapere che, almeno la panatura, è uguale in ogni parte della Sicilia. Non dovete immergerlo o immergerla nell’uovo, bensì in un composto con acqua e farina o albume e farina. Infine, pangrattato tritato grossolanamente dal pane raffermo. Speriamo che i nostri consigli vi siano utili!