Capodanno Cinese 2020, le mooncakes per festeggiare

Capodanno Cinese 2020, ecco a voi le speciali mooncakes per festeggiare una ricorrenza asiatica che ci farà entrare presto nell'Anno del Topo

Home > Cucina > Capodanno Cinese 2020, le mooncakes per festeggiare

Come festeggiare al meglio il Capodanno Cinese? A breve, secondo il calendario del paese asiatico, entreremo nell’Anno del Topo. Ovviamente in Cina e nelle comunità cinesi presenti in tutto il mondo sarà grande festa. Se anche noi vogliamo festeggiare questo importante giorno, che ne dite di farlo con la dolcezza delle mooncake? Da leccarsi i baffi.

La Mooncake o Torta lunare è un dolce cinese ce tradizionalmente si mangia durante la Festa di metà autunno. Il nome deriva dal fatto che in questa celebrazione si è soliti osservare la Luna e dedicarsi al suo culto, molto forte nel paese asiatico. La torta è di solito rotonda o reggangolare, con un ripieno di anko o pasta di semi di loto circondato da crosta sottile. A volte possono esserci anche tuorli salati di uova d’anatra.

La torta lunare è realizzata con una sfoglia di pasta tenera e sottile che nasconde al suo interno un ripieno denso e dolce. Le uova contenute all’interno simboleggiano proprio la luna piena. Anche se di solito si mangia in un’altra celebrazione cinese, perché non portarla sulle nostre tavole? Ci sono dei ristoranti in Italia che permettono di gustarla.

Proprio per celebrare il Capodanno Cinese, Deliveroo, servizio di food delivery che consente di ordinare a domicilio i piatti del proprio ristorante preferito, ha deciso di proporre delle speciali mooncake non solo per festeggiare l’anno nuovo, l’Anno del Topo, ma anche per far conoscere agli italiani il mondo gastronomico cinese, ricco di prelibatezze da gustare.

Queste speciali mooncake hanno un ripieno e una base di marmellata e datteri. Sono ordinabili solo nei giorni del Capodanno Cinese, sabato 25 e domenica 26 gennaio, in esclusiva sulla sua piattaforma da Cremeria Buonarroti partner dell’iniziativa, al prezzo speciale di 3 euro.

Chissà se anche i cinesi gradiranno questa variante!