Come organizzare una grigliata di Pasquetta perfetta

La grigliata di Pasquetta non può assolutamente mancare, sperando nella clemenza del meteo. Ecco i consigli per organizzarla bene!

Home > Cucina > Come organizzare una grigliata di Pasquetta perfetta

Come organizzare una grigliata di Pasquetta perfetta, che sia magari anche sana? Sicuramente dopo i pranzi e le cene di Pasqua, la voglia di stare all’aria aperta con gli amici è tanta. Sperando in un meteo che possa essere il più clemente possibile, ci sono alcune regole che vanno seguite per poter servire piatti davvero unici!

grigliata di Pasquetta

Il Professor Giorgio Calabrese, interpellato da ManoMano.it, il più importante eCommerce di fai da te e giardinaggio in Europa, ci spiega come fare una grigliata salutare ed equilibrata. Il medico nutrizionista specializzato in Scienze dell’alimentazione sa bene come rendere questo momento davvero indimenticabile. Senza danni per la salute.

La scelta del barbecue

Ovviamente parte tutto da qui, dalla cottura degli alimenti. Il barbecue è utile perché limita la quantità di lipidi consumati e scioglie molti dei grassi presenti. La cottura più salutare è nei barbecue a gas, rispetto a quelli a carbonella o elettrici.

Come pulire il barbecue

Si pulisce prima e dopo, ovviamente. Assicuratevi che non ci siano residui di cibo precedenti che potrebbero carbonizzarsi. Andrebbe pulito da caldo, perché è più facile, con acqua calda e saponi specifici, aiutandosi con spazzole di metallo.

Cosa mangiare nella grigliata?

Carne e verdura sono le scelte principali. Lo sapevate che le verdure alla griglia hanno più antiossidanti delle verdure crude? Via libera a zucchine, melanzane, patate, zucca, asparagi, pomodori. Mentre per la carne scegliete carni magre, evitando quelle ad alto contenuto di grassi.

Come preparare gli alimenti

Togliete il grasso in eccesso e teneteli fuori dal frigo per qualche minuto, a temperatura ambiente. La carne può essere cotta parzialmente nel forno a microonde, così da evitare i succhi prodotti e le fiammate, riducendo i tempi di cottura. La carne va messa a 10-15 centimetri di distanza dalla fiamma.

Come cuocere alla griglia

La carne non deve essere al sangue o troppo cotta. Nel primo caso per evitare batteri e larve di parassiti, nel secondo, invece, per evitare carne carbonizzata che contiene benzopirene e ammine eterocicliche, entrambi composti ritenuti cancerogeni.