Come si mangia il corbezzolo

Dal sapore gradevole, queste bacche sono ottime per alcune ricette in cucina

 

Il corbezzolo è un frutto che nasce da una pianta originaria dei Paesi del Mediterraneo.  Si contraddistingue per la sua forma tondeggiante di colore rossastro. Anche se il gusto  è gradevole, oggi giorno non è usuale trovarlo sulle nostre tavole.  Questo frutto contiene importanti proprietà antiossidanti per il nostro organismo. E’ infatti ricco di vitamina E,  fondamentale per contrastare  la formazione dei radicali liberi e l’invecchiamento cellulare. Ma come lo possiamo mangiare?

Il corbezzolo può essere consumato solo quando ha raggiunto la piena maturazione, generalmente tra fine ottobre e dicembre. La parte esterna assume una colorazione rosso intenso, mentre la polpa diventa gialla. Il corbezzolo si può gustare in vari modi.

Corbezzolo liquore

Corbezzolo liquore

Oltre a mangiarlo crudo, questo frutto può diventare un ingrediente “segreto” per la preparazione di ottime marmellate con cui farcire gustose crostate. I corbezzoli si possono, inoltre, cuocere nello zucchero per renderli caramellati oppure vengono usati per preparare vino aromatizzato e liquori. Con il corbezzolo si produce anche un miele dal gusto particolare, un pò amarognolo; si tratta di una tipica produzione della Sardegna.

Attenzione però a non esagerare: il consumo eccessivo di questi particolari frutti ha delle controindicazioni, a causa dell’elevata concentrazione di sostanze alcaloidi che possono provocare effetti negativi sull’apparto digerente.

Fonte foto: flickr; giallozafferano.it

 

Quanto riso a persona dosare per un risotto?

L'agriturismo di Benedetta Rossi: le foto de La Vergara immerso nelle Marche

Come conservare i fiori di zucca

Cosa fare se il mascarpone del tiramisù viene troppo liquido

Troppo sale nel sugo? Ecco come rimediare

Quanto tempo si conservano le uova sode?

Come friggere le patatine in casa in soli 25 secondi