cavolfiori

È tutto italiano: è il Cavalfiore d’Autore

Croccante e delicato al palato, un ortaggio che vanta eccellenti proprietà e valori nutrizionali, oltre un basso apporto calorico: è il Cavolfiore della Val Venosta.

Dal gusto discreto e delicatamente aromatico, dall’infiorescenza candida e generosa nell’aspetto, equilibrato nel profumo e più delicato di quello che siamo abituati a cucinare. Unico. Andreas Tappeiner non è nato sotto le foglie di cavolo, ma di cavolfiori se ne intende e tanto! Nel suo maso a Lasa, paese della Val Venosta già noto per le famose albicocche e per le sue bianche cave di marmo, i cavolfiori che coltiva sono una vera eccellenza.

cavolfiori

Sono proprio le attenzioni con cui li coltiva e i saperi tramandati da generazioni a garantirne bontà e genuinità davvero uniche. Andreas nella stagione della raccolta, verso i primi di giugno, si reca nel campo molto presto, perché sa per esperienza che lo stacco deve avvenire all’alba, comunque prima che i raggi del sole di montagna possano compromettere la freschezza del raccolto. L’importante è che le foglie siano chiuse, come in uno scrigno verde che assicuri una protezione e una conservazione ottimale. Perché è entro 24 ore che arriva al punto vendita!

Bianco e delicato

Il cavolo di montagna è di per sé delicato, vuoi per il colore bianco che lo caratterizza vuoi per la proverbiale fragranza e croccantezza o per il sapore unico che gli deriva dal microclima della Val Venosta e non solo. Per questo gli vanno dedicate attenzioni e cure speciali, per non scomporlo o per non danneggiare l’infiorescenza. E Andreas li raccoglie con accortezza, uno ad uno.

Fattori climatici

Ma cosa rende così speciale il Cavolfiore della Val Venosta che rispetto agli altri ha un sapore più discreto e più morbido al palato? Innanzitutto la fortunatissima posizione, ovvero la coltivazione tra i 900 e i 1.800 metri di altitudine e il microclima di cui gode la Valle. Il mix che ne consegue, complice anche l’escursione termica che si verifica tra notte e giorno, giocano un ruolo importante per garantire un ortaggio dalle qualità superiori. In questo modo la maturazione è lenta e costante e si prende tutto il tempo necessario per restituire oltre all’aspetto invitante e generoso un sapore più intenso e particolare.

Antiossidante, detox e salutare

A livello nutrizionale il cavolfiore è ricco di Vitamina C e K, di minerali quali Potassio, Fosforo, Calcio e Magnesio. Ad alto contenuto d’acqua (circa il 92%), ricco di fibre e proteine è ideale per tutti coloro che vogliono seguire un regime ipocalorico.

Si presta a essere consumato crudo, in insalata, o cotto in differenti preparazioni, in quanto mantiene intatte le sue proprietà nutritive e organolettiche. Come Andreas Tappeiner, anche tanti altri contadini nella Valle coltivano con passione oltre alle famose mele, cavolfiori e altri ortaggi di montagna garantendo sempre una qualità davvero superiore.

Torta all'Acqua, ottima per dimagrire

Dorayaki alla Nutella

Gnocchi fatti in casa alla ricotta e curcuma

3 modi di recuperare la pasta avanzata

Polpette di mozzarella croccanti alla menta

Trovate tracce di plastica nelle barrette della Mars

La ricetta della cheesecake al microonde