Gli alimenti che riducono la fame

Mangiare per mangiare di meno? Si può!

Alcuni sono gustosi, altri no. Certi li conosciamo bene, mentre alcuni li utilizziamo raramente (se non mai). Tuttavia, hanno una cosa in comune: attenuano il senso di fame e ci fanno mangiare meno!


Mangiare per mangiare meno? Sembra il sogno di qualunque persona a dieta, ma in realtà esistono davvero dei cibi che tengono lontani dal cibo, ovvero funzionano come veri e propri soppressori della fame. E sebbene alcuni (come l’aceto) non abbiano un sapore gradevole, altri sono invece assolutamente deliziosi, anche se alla fine svolgono tutti la loro azione togli-appetito, facendovi mangiare meno (e meglio!).

ACQUISTA IN SCONTO IL GUANTO MAGICO!

La cosa importante è consumarli nel modo giusto (si possono aggiungere ai pasti principali o come snack), scegliendo l’alimento più gradito, stilato dagli esperti del sito Prevention.

Aceto

Il segreto di questo magico potere spezza-fame dell’aceto (che vale sia per quello bianco e nero che per quello balsamico, di mele o di riso) si chiama acido acetico che, interferendo con la scomposizione degli amidi, rallenta la digestione dei carboidrati.

Popcorn

Una porzione di popcorn copre il 70% della quota giornaliera di cereali e sazia a lungo. Ma le sorprese non sono finite: uno studio dell’Università di Scranton ha infatti dimostrato che il popcorn contiene gli stessi polifenoli antiossidanti di frutta e verdura, ritenuti un valido aiuto nello scongiurare malattie cardiache e croniche e alcune forme di cancro. Una sola accortezza: evitate la versione al microonde, perché è piena di grassi.

Pane a lievitazione naturale

Il pane a lievitazione naturale ha una combinazione di lievito di birra e bacilli che fermentano la pasta e le danno quell’inconfondibile “profumo del forno”, mentre l’acido lattico aiuta ad abbassare anche del 30% l’indice glicemico nel sangue che scatena il senso di fame (come comprovato da uno studio svedese).

Peperoncino

Non proprio il preferito da tutti, ma mezzo cucchiaino di peperoncino di Cayenna aggiunto ai pasti è sufficiente a garantirvi un valido effetto spezza appetito, aumentando al tempo stesso il dispendio energetico. Merito della capsicina, che svolge appieno la sua funzione di sopprimi-appetito nella versione in polvere, da preferire dunque a quella in capsule.

Burro d’arachidi

Il Nurses’ Health Study ha dimostrato che le donne che mangiano burro d’arachidi almeno cinque volte a settimana pesano circa 4,5 chilogrammi in meno di quelle che non ne fanno uso e hanno il 30% in meno di rischio di ammalarsi di diabete. Ma per ottenere un reale effetto sedativo sull’appetito bisogna scegliere il prodotto in versione naturale: arachidi, olio e giusto un pizzico di sale.

Pistacchi

L’organismo ha difficoltà a digerire il grasso del pistacchio ed è proprio questo grasso che gli permette di tenere sotto controllo la fame. Altro vantaggio è dato dalle dimensioni ridotte: i pistacchi pesano infatti meno di noci, mandorle e nocciole, il che significa che se ne possono mangiare di più per lo stesso numero di calorie, mentre il fatto di doverli sgusciare prima di consumarli rallenta inevitabilmente il ritmo dello spuntino, dando così al vostro intestino il tempo di registrare che si sta alimentando. Furbo.

Avocado

Uno studio della Loma Linda University ha chiesto ad alcuni volontari di consumare pranzi con e senza avocado e di registrare poi quanto si sentissero affamati nel resto della giornata. E i risultati hanno mostrato che i pasti con il caratteristico frutto riducevano del 40% il senso di fame dei partecipanti!