La frutta secca ci salva il cuore

La frutta secca mantiene il cuore in buona salute, ecco quanti grammi al giorno dovremmo mangiare.

Home > Benessere > La frutta secca ci salva il cuore

Perché devi mangiare una manciata di frutta secca al giorno? Prima di tutto per prevenire le malattie, inoltre ci fornisce sazietà ma anche tanti altri benefici. Vi ricordiamo che, a causa del loro elevato apporto calorico, deve essere consumata con moderazione: 700 calorie per 100 grammi.

 

 

La frutta secca come noci, nocciole, castagne, mandorle, pistacchi, arachidi, hanno scientificamente dimostrato benefici nella prevenzione delle malattie.

Sono raccomandati nella piramide nutrizionale mediterranea e le loro proprietà li rendono alimenti con un’azione protettiva. Sono ideali per atleti, bambini e donne incinte. Ma a causa del loro apporto calorico elevato, dovrebbero essere consumati con moderazione.

Uno studio del 2010 ha rivelato che il consumo regolare di frutta secca può favorire una diminuzione del rischio di sviluppare obesità addominale, ipertensione, alcuni tipi di cancro e calcoli biliari, tra gli altri.

 

In un altro studio pubblicato nel Journal of Nutrition nel 2009 è stato dimostrato che l’assunzione di frutta secca diminuisce significativamente il rischio di malattie cardiovascolari nelle donne con diabete di tipo 2.

È vero che forniscono un apporto calorico elevato (circa 700 calorie per 100 g), ma se consumati moderatamente (5 noci al giorno in 5 giorni della settimana: 180 calorie) sono alimenti che possono aiutare a prevenire le malattie sempre e quando si esegue una dieta sana ed equilibrata.

Tra le tante proprietà, presentano un’alta percentuale di fibre i cui benefici sono:

– Forniscono maggiore sazietà. Fanno sì che il glucosio e gli acidi grassi vengano assorbiti più lentamente attraverso l’intestino.

– Nell’intestino crasso aiuta nella protezione prevenendo lo sviluppo di tumori e contribuisce alla regolazione del transito intestinale, evitando la stitichezza.

 

– Contribuisce ad un alto contenuto di grassi cardiosaludabili (ad eccezione dei grassi salati), predomina l’acido oleico, che è caratteristico della dieta mediterranea.

– Riduce i livelli di colesterolo cattivo (LDL) e aumenta il bene (HDL), previene l’arteriosclerosi.

– Riduce il rischio di infarto miocardico del 50% (consumando la quantità raccomandata).

– Fornisce proteine ​​ad alto valore biologico (noci: 15,6 g%, mandorle: 16 g%, arachidi: 20 g%).

– Antiossidanti contro l’invecchiamento. Agiscono contro l’azione dei radicali liberi, diminuendo così gli effetti tossici di questi ultimi.

– Vitamine, fondamentalmente del gruppo B (acido folico) e vitamina E, che è un potente antiossidante.

– Minerali (ferro, calcio, magnesio, potassio, fosforo). Il contenuto di minerali di noci è superiore a quello di altri frutti freschi, essenziale per il corretto sviluppo del corpo e la capacità intellettuale. Interveniscono nello sviluppo e nella manutenzione dello scheletro.