La Guinness diventa vegana

Addio alla colla di pesce per essere vegan friendly!

 

Da oggi la Guinness la possono bere proprio tutti, anche chi è vegano. E perché prima non potevano berla, vi chiederete voi? E’ presto svelato… Il birrificio irlandese, famoso in tutto il mondo per la sua birra scura, dopo 256 anni di gloriosa storia ha deciso di eliminare la colla di pesce dai filtri utilizzati per la birrificazione. Per la presenza di questo “strumento”, i vegani non potevano bere nemmeno un sorso di questa meravigliosa stout. Ma la storia è fatta per essere cambiata e la Guinness abbraccia il cambiamento. Ma la birra sarà buona uguale?

guinness1

La Guinness diventa vegan friendly

La colla di pesce è stata usata dalla Guinness fin dal 19esimo secolo, così come è stata utilizzata anche da altri produttori. Nel prodotto finito ne rimangono piccole tracce, che però rendevano le birre così preparate non adatte ai consumatori vegani.

Stiamo facendo degli sforzi per migliorare ulteriormente i nostri prodotti“.

guinness2

Il suo sapore dovrebbe rimanere lo stesso

Ecco perché dal 2016 verrà introdotto un nuovo metodo nella linea di produzione: la colla di pesce, , ricavata dalla vescica natatoria dei pesci, con le tracce che lascia nel prodotto finale non influenza il sapore della birra e al suo posto possono essere usate soluzioni vegan friendly come l’agar agar, la carragenina e la pectina.

Gateau di patate, ricetta originale e varianti per un piatto gustoso

5 modi per riciclare la zucca di Halloween

Codice delle uova sul guscio, cosa significa?

I libri di cucina del mese di ottobre

Torta all'Acqua, ottima per dimagrire

La ricetta dei peperoni in barattolo con tonno e olive nere

Come preparare delle gustose barrette al cocco e cioccolato