La ricetta della Buddha Bowl

 

La Buddha Bowl è un piatto unico completo e letteralmente significa ciotola di Buddha. Mi ha incuriosito il nome, derivante dal fatto che il piatto finale ricorda la pancia del Buddha.
Nata nei paesi orientali e ricca di prelibatezze si è diffusa negli ultimi anni nei paesi anglosassoni.
Rappresenta una filosofia del mangiare sano e con gratitudine per quello che la natura ci offre. Il nome infatti deriva dall’atto con cui si prepara, in cui mettiamo presenza e consapevolezza in quello che facciamo, procurandoci piacere ancora prima di assaporarlo.
E’ preparato con alimenti semplici, spesso abbraccia la filosofia macrobiotica ed è composto da proteine, carboidrati e fibre.

Bigodino buddha bowl 2 copia
Le regole per comporre la Buddha Bowl

È un piatto principalmente vegetariano, che non contempla prodotti di origine animale.
Non c’è una ricetta particolare, ma una composizione da rispettare, una chiave di lettura, con la quale si possono preparare tutte le Buddha Bowl che desiderate, secondo il vostro gusto personale e le vostre preferenze.
Ha sempre le stesse caratteristiche, ma un’infinità di combinazioni.

Per essere una vera Buddha Bowl deve esserci:

1- legume, fresco o cotto, a vostra scelta. Potete optare per ceci, lenticchie, fagioli, fave, cicerchie, piselli….

2- verdure di stagione. Una verdura cotta e l’altra da scegliere cruda in base ai vostri gusti

3- cereali. Anche in questo caso potete optare per cereali con o senza glutine, dando slancio alla vostra fantasia. Un’ottima occasione per provare cereali inusuali nella nostra cucina come il sorgo o il riso rosso.

4- condimento. Una bella vinagrette, un condimento più’ classico, della salsa tahina o quello che più si intona con la vostra personalissima versione.

A piacere potete infine aggiungere dei semi oleosi o frutta secca.

E’ perfetta per chi ha poco tempo, avendo cura di preparare in anticipo i legumi e i cereali, dovendo poi solo scaldarli al momento del pasto. E’ utile per chi è sempre in giro, per la pausa pranzo e anche per una gita fuori porta.

Si può spaziare davvero con la fantasia e seguire la stagionalità dei prodotti che impieghiamo. Al posto dei legumi si può inoltre optare per un’altra fonte proteica come il tofu o il tempeh e trovo che anche consumata fredda sia davvero deliziosa.
Un’idea completa, salutare e sana anche durante i periodi caldi.

Non dimenticate l’ammollo, di una notte, di legumi e cereali che vi permetterà di dimezzare i tempi di cottura.

Bigodino buddha bowl 1 copia
Legumi, cereali e verdure compongono la Buddha bowl

La ricetta magica per rendere questa Buddha Bowl incredibilmente buona è l’amore e l’attenzione con la quale la prepariamo.

Se volete qualche suggerimento per iniziare, ho pensato a questa mia personalissima versione:

Dosi:

per 1 persona

Tempi di preparazione:

20 minuti circa (da considerare ammollo dei cereali e legumi

Tempi di cottura:

15 minuti circa più il tempo di cottura dei legumi e cereali (circa 20 minuti)

Cosa serve:

Tagliere, coltello, pentola a pressione, pentola, cucchiaio, padella

Ingredienti:

70 gr di ceci secchi
3 carote novelle
50 gr di quinoa bianca bio
2 pomodorini ciliegino
5 foglie di insalata
3 fette di avocado
2 cucchiai di crema di sesamo
1 cucchiaio di succo di limone
1 cucchiaino di tamari
erba cipollina
sale, pepe e olio evo

Bigodino buddha bowl copia
Buddha bowl

Procedimento:

Innanzitutto sciacqua i legumi e i cereali e lasciali in ammollo per una notte. Al mattino scolali e mettili nella pentola a pressione, cuocendoli per 20 minuti dal momento del fischio.

Lava l’insalata e spezzettala con le mani. Lava i pomodorini e tagliali in spicchi.

Cuoci la quinoa nel doppio del suo volume di acqua bollente salata per 15 minuti.

Pela le carote, ungile con un filo di olio e inforna a 220 gradi per 20 minuti, in forno già caldo.

Pulisci l’avocado e taglialo a fettine.

Componi la tua Buddha bowl mettendo come base l’insalata, aggiungi poi i ceci e la quinoa, i pomodorini e le carote arrostite. Termina con le fettine di avocado. Condisci con una salsa preparata amalgamando la crema di sesamo con il succo di limone, la tamari e un poco di acqua. Aggiungi erba cipollina e servi.

Buon appetito!

 

 

di Marzia Riva