Liquirizia: fa bene oppure meglio evitare?

Molto saporita e sfiziosa da gustare, per esempio, a fino pasto. Ma possiamo consumarla a cuor leggero oppure no?

Home > Cucina > Liquirizia: fa bene oppure meglio evitare?

Molte persone ne sono ghiotte, perché la liquirizia ha un gusto davvero speciale, molto piacevole in qualsiasi forma la si consumi. Molti pensano che la liquirizia fa bene, ma ci sono dei casi in cui è meglio non esagerare e mangiarla con moderazione.

Liquirizia: perché è benefica

La liquirizia si può trovare in diverse forme,  dalle radici da masticare alle caramelle gommose, fino alle tisane a base di liquirizia dall’effetto depurativo. Si producono anche liquori alla liquirizia.

Molti studi scientifici avrebbero  dimostrato che questa pianta da vari benefici alla nostra salute.

Prima di tutto, la liquirizia crea un sottile film protettivo intorno alla mucosa gastrica e, in questo modo, riesce a proteggere lo stomaco.

Ecco perché la liquirizia è indicata per contrastare eventuali disturbi a livello digestivo.

La liquirizia è particolarmente indicata anche per chi soffre di pressione bassa, in quanto contiene la glicirrizina.

Quest’ultimo è un principio attivo che fa innalzare la pressione arteriosa ed è capace di tirarci su quando ci sentiamo deboli o spossati.

Potete sfruttare i benefici della liquirizia anche contro i malanni di stagione: è un toccasana per l’apparato respiratorio, in quanto agisce contro il mal di gola, favorendo l’espulsione del catarro e calma la tosse.

Quando è il caso di evitarla

La liquirizia però ha anche effetti indesiderati e in alcuni casi è meglio evitare di assumerla o di consumarne in piccole quantità.

Il  suo consumo non è indicato per le persone che soffrono di ipertensione, in quanto, come detto rpima, questa pianta aumenta la pressione e la concentrazione di sodio nel sangue.

Il consumo della radice può anche causare, soprattutto nelle donne, problemi di ritenzione idrica, poiché  molto ricca di sali.

L’abuso di liquirizia può avere effetti negativi come provocare mal di testa, gonfiori a viso e caviglie. Chiaramente, anche nei casi contoindicati, una piccola caramellina ogni tanto ve la potete concedere.