Non congelare mai questi 10 alimenti

 

Il congelatore è prezioso nelle nostre cucine. Ci permette di conservare i cibi a lungo  e di consumarli – magari già pronti – in un momento successivo. Attenzione però  a riporre gli avanzi nella ghiacciaia. Alcuni alimenti infatti non dovrebbero mai essere congelati poichè al momento dello scongelamento risulterebbero immangiabili poichè divenuti mollicci.  Si tratta soprattutto di alimenti molto ricchi di acqua, vediamo quali sono.

1 Le patate

Le patate non devono essere congelate, né crude né cotte. Conservatele invece nel loro sacchetto in un luogo fresco e asciutto.

frittata-di-patate-1-contemporaneo-food
Le patate

2 I formaggi

Evitate di congelare i formaggi morbidi come la ricotta. E’ possibile invece conservare in freezer i formaggi duri e semi-duri: avvolgeteli nella pellicola trasparente o inseritelo in una busta per congelatore e lasciatelo in freezer per non più di 6 mesi

3 Pasta e Riso

Pasta e riso già cotti, dopo il congelamento, alterano il loro sapore e la consistenza.

4 L’insalata

La lattuga e le altre verdure a foglia verde sono molto ricche di acqua e, una volta scongelate, perdono croccantezza e sapore. Evitare anche di congelare finocchi, cetrioli e sedano.

insalata (2)
Insalata

5 Pomodori

Se non riuscite a consumare dei pomodori ormai troppo maturi, utilizzateli per preparare un buon sugo per la pasta e congelare semmai quest’ultimo.

6 La frutta

Anche la frutta è composta in larga parte da acqua e quindi non può essere congelata, specialmente mele, uva, anguria, ananas  e melone.

7 Salse

Non è possibile congelare salse come la maionese o il ketchup. Preparatele con ingredienti genuini e gustatele sempre fresche.

mayonnaise
Salse

8 Latte e panna

Sia il latte che la panna modificano la loro consistenza durante il congelamento.

9 Cibi fritti

Una volta scongelati, gli alimenti fritti perdono la loro croccantezza, per cui è meglio evitare.

10 Uova

Se mettete le uova nel congelatore, il liquido interno, a causa delle basse temperature, si espande e il guscio si rompe.

Fonte: nonsprecare.it

 

di Marianna Feo