Ricotta fritta alla romana

 

La ricotta fritta alla romana è una ricetta facilissima che si prepara un po’ in tutta Italia, in modo particolare da Napoli in giù dove il fritto è un’istituzione e viene fatto davvero a regola d’arte.
In realtà la ricetta di per se è veramente basica: ricotta romana (quella più asciutta), uova e farina oppure pane grattugiato.
Qualche minuto di cottura e il nostro antipasto finger food è pronto per essere mangiato!

ricotta-fritta-contemporaneo-food
Ricotta fritta

In estate, poi, dove tutti siamo alla ricerca di qualcosa di sfizioso e di possibilmente leggero, capace di farci venire appetito, la ricotta fritta alla romana potrebbe essere davvero una proposta vincente da servire eventualmente anche come “piatto unico” accompagnato da una bella insalata mista fresca.

Non ci sono raccomandazioni particolari da seguire, ricordatevi per il fritto di utilizzare un olio buono e sempre nuovo in modo che non lasci né sapore né odore cattivo.

Per quanto riguarda la preparazione, potete utilizzare sia la farina che il pane grattugiato e potete scegliere se impanare due volte o una volta sola, dipende molto dal gusto personale.

Vi lascio alla ricetta della ricotta fritta alla romana e come sempre “che la creatività sia con voi!”

ricotta-fritta-contemporaneo-food
Un piatto unico sfizioso

Tempi di preparazione:

10 minuti

Tempi di cottura:

5 minuti

Dosi per:

4 persone

Cosa ti occorre:

padella per friggere

Ingredienti:

400 gr ricotta romana
n.2 uova
q.b. farina o pane grattugiato
q.b. olio per friggere

Procedimento:

ricotta-fritta-contemporaneo-food
Finger food per l’estate

Preparare tutti gli ingredienti: in un contenitore sbattere le uova, in un altro sistemare la farina o il pane grattugiato e versare nella padella adatta l’olio per la frittura.

Lavorare con la forchetta per qualche istante la ricotta che deve essere molto asciutta e creare delle palline grandi quanto quelle da ping pong: passarle prima nell’uovo, poi nella farina o nel pane grattugiato.

Scegliere se procedere con una seconda impanatura o no.

Scaldare l’olio e raggiunta la temperatura friggere per pochissimi minuti (2 minuti sono sufficienti).

Servire calde.

di Cristina Saglietti