Il carnevale in bianco e nero di Ecstatic Spaces

Dallo studio della "trasformazione" delle maschere, una collezione di costumi architettonici per un carnevale immaginario

Non agli occhi di tutti il carnevale è fatto di colori e maschere rinascimentali. La designer di Trinidad Tara Keens Douglas, per esempio, ha immaginato e realizzato una collezione di costumi di carnevale in carta piegata e corde.

Ecstatic Spaces, così si chiama questa collezione di “inusuali” costumi di carnevale, si basa sulla trasformazione che le maschere subiscono a carnevale.

I quattro costumi rappresentano infatti quattro operazioni cui va incontro la maschera: appropriazione, esagerazione, immersione, sublimazione.

Keens Douglas chiama i suoi costumi “architetture effimere”, aggiungendo che “stravolgono temporaneamente la vera natura del corpo umano”.

…Una trasformazione formidabile.

Venti modi strepitosi per appendere le tende

Come non mettere i mobili in casa

Borgogna: terra di vigneti e di opere architettoniche incantevoli

10mila euro al mese per affittare la casa di Fedez a Milano

5 modi creativi e originali per decorare le zucche di Halloween

Gli accessori ecosostenibili di Vivienne Westwood per fare yoga

Street art in Africa: Wide Open Walls