Lampade-gioielli per arredare e illuminare gli ambienti

Sono molti i designer che si sono ispirati alle forme classiche del gioielli per ideare soluzioni di illuminazione innovative

Non è facile scegliere la giusta lampada per quelle stanze in cui spendiamo il tempo libero (il termine inglese living room rende bene l’idea), e che nelle moderne architetture d’interni spesso si fondono con gli spazi in cui si cucina e si mangia. Ma se hai una predilezione particolare per i gioielli, c’è chi ha pensato a te, trasformandoli in lampade e lampadari.

Stile shabby

Il marchio tedesco Llor Llov, ad esempio, produce Earl, un lampadario che ha la forma di un’enorme collana di perline di legno. La fonte di luce può essere posizionata a piacere grazie a un particolare gancio che permette di annodare e intrecciare il filo di perle.

Llor Llov, Earl
Llor Llov, Earl

Llor Llov, Earl
Llor Llov, Earl

Stile tiffany

Il noto brand italiano di arredamento e illuminazione per gli interni Morosini, conosciuto per i suoi prodotti particolarmente innovativi, propone Diamond SO 80, una nuova linea di illuminazione per la casa disegnata dallo studio Sandro Santantonio: punti luce per il soggiorno e il salotto a forma di diamante.

Morosini, Diamond SO 80
Morosini, Diamond SO 80

Morosini, Diamond SO 80
Morosini, Diamond SO 80

Stile classic-pop

La designer inglese Penelope Batley crea lunghissimi fili di perle giganti da appoggiare su sedie e mobili o semplicemente da stendere sul pavimento, con una perla-lampada in coda, e lampadari a forma di orecchini. Very chic!

Penelope Batley, Big Bling Necklace Lighting
Penelope Batley, Big Bling Necklace Lighting

Penelope Batley, Drop Earring Lights
Penelope Batley, Drop Earring Lights

Via/Via/Via.

Laura Clark: bagno pubblico diventa appartamento

Laura Clark: bagno pubblico diventa appartamento

Giardini e balconi diventano sale da pranzo e cucine open air

Giardini e balconi diventano sale da pranzo e cucine open air

Il Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci di Prato riapre al pubblico

Il Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci di Prato riapre al pubblico

I social network salveranno il design Made in Italy?

I social network salveranno il design Made in Italy?

Il coffee table che aspettavamo

Il coffee table che aspettavamo

Urushi, la lacca giapponese

Urushi, la lacca giapponese

Borgogna: terra di vigneti e di opere architettoniche incantevoli

Borgogna: terra di vigneti e di opere architettoniche incantevoli