O bag, il concorso per creare nuove borse

O bag lancia un concorso per creare nuovi prodotti: ed è aperto a tutti!

Home > Design > O bag, il concorso per creare nuove borse

Un concorso di O Bag per creare nuove borse che magari potreste vedere in vendita sul sito ufficiale del brand o nei tanti negozi sparsi per l’Italia? Che bella notizia, anche perché sappiate che il contest è aperto a tutti e non solo  ai designer. Il marchio di moda che ha fatto della versatilità e della personalizzazione il suo marchio di fabbrica, infatti, ha deciso di lanciare un concorso per la creazione di nuove borse. Chissà, magari i vincitori si nascondono proprio tra i nostri lettori!

O Bag concorso

Il marchio O Bag ha, infatti, avviato il concorso di open innovation “Empowering Future Generation” che vuole coinvolgere non solo designer, studenti, architetti, ingegneri e creativi, ma anche tutti gli amanti del marchio di moda, provenienti da ogni angolo del mondo, per creare nuovi prodotti e avviare una nuova era di sviluppo del prodotto democratico.

Il progetto è nato dalla partnership tra il brand da sempre attento alla democraticità dei propri prodotti, grazie all’alto grado di personalizzazione, e Desall.com piattaforma di open design and innovation italiana, che con la sua community internazionale di più di 100mila designer provenienti da ogni angolo del mondo propone sempre contest interessanti.

O Bag ha previsto due contest aperti a tutti quanti e accessibili direttamente dalla piattaforma Desall.com: vi viene chiesto di realizzare un nuovo zaino unisex e una nuova forma di borsa. Ovviamente i partecipanti devono seguire i valori fondanti del marchio, proponendo delle nuove soluzioni modulari, personalizzabili, caratterizzate dall’utilizzo di materiali industriali o di riciclo.

Ricordiamo che sono quattro i principi su cui si basa O Bag:

  • Modularità e Customizzazione
  • Materiali di plastica
  • Prezzo democratico & Easy Fashion
  • Design

Il progetto culminerà poi con un grande evento che si terrà a Milano in occasione del Salone del Mobile 2019. Che dite, è ora di mettervi in gioco?