open space

Open space: le soluzioni di design che ci piacciono e ci fanno sognare

C’è stato un periodo durante il quale non si parlava di altro e, disporre le abitazioni in questo modo era un must. Stiamo parlando dell’open space: quello spazio ampio senza muri che elimina le partizioni inutili e ci fa abbandonare per sempre l’idea di stanza.

L’open space o spazio aperto è stato la più grande rivoluzione nell’ambito degli spazi abitativi che ci ha consentito di approcciarci ad un nuovo modo di vivere gli ambienti domestici.

Moderno, minimale, dinamico e mai scontato: ancora oggi l’open space ci fa sognare.

open space

L’idea di spazio aperto nasce all’inizio del Novecento nei luoghi di lavoro, un format per una nuova e più efficiente articolazione dei luoghi produttivi. Non ci è voluto poi molto affinché il concetto venisse traslato all’interno delle mura domestiche.

Con l’open space, la gerarchia delle stanze muta: la zona a giorno assume maggiore importanza rispetto alla zona notte e la cucina si riduce diventando una porzione specializzata del soggiorno, ambiente che diventa il vero centro della casa.

Che cosa significa open space?

Lo spazio aperto altro non è che la porzione di casa che ingloba il soggiorno, la zona pranzo e la cucina. Nei loft, lo spazio aperto può anche inglobare la zona notte ed occupare, quindi, tutta la superficie della casa, escludendo il bagno.

Riciclare i barattoli: idee creative

Regali di Natale fai da te: dei “cosi”

L’arte dei bambini trasformata in gioielli: il gusto della felicità di Kritzelsilber

Decorazioni originali da parete per la tua cucina

Armonia cromatica: piccola guida per abbinamenti incantevoli

Come non mettere i mobili in casa

Venti modi strepitosi per appendere le tende