Quando il design è d'autore: Designdessai

Due sorelle accettano la sfida del riuso creativo e creano oggetti unici che scoprono nuove funzionalità mantenendo intatte le qualità emozionali

Riuso, reinterpretazione dei materiali, riciclo creativo: parole chiave di un approccio attento all’ecologia e alla sostenibilità che si affaccia prepotentemente sulla scena del design contemporaneo. Sono molti e stanno aumentando sempre più – ne vedremo delle belle al prossimo Salone del Mobile – gli esponenti di questa filosofia di vita e di lavoro in Italia. Sorprendere donando nuovi scopi a oggetti del quotidiano, riciclare materiali che siamo soliti gettare in discarica, recuperare prodotti ormai inutilizzati senza snaturarne la storia: sono molte le sfide accolte da questo filone, in cui la reperibilità dei materiali è l’elemento fondamentale che determina la (non) riproducibilità degli oggetti.

Alla scoperta di un brand emergente: Designdessai

Ringrazio di cuore Elisabetta di Designdessai per avermi scritto: non conoscevo questo brand giovane e… femminile. Letteralmente “design di prova” o “di sperimentazione” – Designdessai nasce infatti dall’intuizione e collaborazione delle sorelle Sabina e Stefania Scapin nel tentare di rinnovare percorsi passati rivisitandoli e legandoli a un linguaggio contemporaneo di chiaro riferimento artistico e sociale.
Unendo le reciproche competenze nel campo della pittura, della fotografia, della grafica e nell’architettura d’interni le sue sorelle hanno dato vita a oggetti dal design unico, rigorosamente fatti a mano e realizzati tramite la fusione di oggetti di riuso, la maggior parte dei quali appartenenti al passato e rielaborati poi in chiave moderna.

Non già una produzione in serie, bensì la creazione di oggetti a tiratura limitata o pezzi unici, questi ultimi in collaborazione con artisti legati al nome dell’azienda. Alcuni prototipi sono oggetti di riuso rivisitati e riprodotti in limited edition.

…E chi ha più il coraggio di andare da Ikea?!

Io sono davvero grata a questi giovani designer perché a prezzi tutto sommato abbordabili ci mettono a disposizione la possibilità di andare in controtendenza rispetto ad una casa a senso unico concepita come troppe aziende oggi offrono, e di circondarci di oggetti ed arredi “selezionati”, come quelli proposti da Designdessai: da scegliere non solo per la funzione, ma soprattutto per le loro qualità emozionali ed estetiche, che possano conferire allo spazio domestico una connotazione di piccola galleria d’arte.

Venti modi strepitosi per appendere le tende

Come montare un mobile Ikea in 8 minuti

Come sarà la casa del futuro?

Dite addio agli interruttori: ecco la casa del futuro

Milano Design Week: tutti cercano il Salone del Mobile

Regali di Natale fai da te: dei “cosi”

Come non mettere i mobili in casa