Rhein II, la fotografia più costosa al mondo

La stampa dell'artista tedesco Andreas Gursky è stata venduta all'asta da Christie’s per 4,4 milioni di dollari

Andreas Gursky, Rhein II
Andreas Gursky, Rhein II

La fotografia più costosa del mondo è di una semplicità disarmante. Non è destinato a trovare una conclusione il dibattito suscitato dalla notizia della foto “Rhein II” di Andreas Gursky, che è stata battuta all’asta da Christie’s per niente di meno che la cifra record di 4.338.500 dollari, superando “Untitled #96” dell’artista americana Cindy Sherman.

Semplice, almeno all’apparenza (anche se penalizzata nel ridimensionamento per il web giacché l’originale misura la bellezza di tre metri e mezzo per due): il fiume Reno entra in assonanza con il cielo in alto e viene incorniciato dalla pista ciclabile che corre lungo l’argine e quindi le fasce di erba vellutata nei toni di un verde brillante, che riflette la luce diffusa, creano un gioco di geometrie, luci e colori che esalta l’immobilità dell’immagine, pur nello scorrere, dimenticato eppure incessante, del fiume. In realtà questa fotografia, che a qualcuno è piaciuta tanto da spenderci un patrimonio, è il frutto del lavoro di ricerca, durato anni, di Gursky.

È ovvio che di fronte a un’immagine così la prima cosa che viene da pensare è “Questa potevo farla anch’io”. Forse però non è esattamente così…

Milano Design Week: tutti cercano il Salone del Mobile

Milano Design Week: tutti cercano il Salone del Mobile

Regali di Natale fai da te: dei “cosi”

Regali di Natale fai da te: dei “cosi”

10 oggetti vintage che dovresti avere in casa

10 oggetti vintage che dovresti avere in casa

L’arte dei bambini trasformata in gioielli: il gusto della felicità di Kritzelsilber

L’arte dei bambini trasformata in gioielli: il gusto della felicità di Kritzelsilber

I gioielli di Elke Kramer (ode al packaging)

I gioielli di Elke Kramer (ode al packaging)

Venti modi strepitosi per appendere le tende

Venti modi strepitosi per appendere le tende

Micro-loft a Manhattan: 40 mq firmati Specht Harpman Architects

Micro-loft a Manhattan: 40 mq firmati Specht Harpman Architects