Stirare fa male: 5 motivi per smettere di farlo

Un'abitudine che può diventare nociva per la nostra salute

Stirare è un’abitudine oramai consolidata nella nostra vita.
Camicie perfette, pantaloni impeccabili, lenzuola lisce e accoglienti, asciugamani morbidi e confortanti.

Ma quanto incide sulla nostra salute?
Che vi piaccia o no, fa male a noi e all’ambiente.

1- Stirare è inutile: grazie alla nuova tipologia di tessuti per il 90% dei capi, basta una bella sbattuta prima di riporli sullo stendino

2- Stirare è pericoloso: Il ferro da stiro è un oggetto pericoloso, in quanto raggiunge temperature altissime, 200/250 gradi!

3- Stirare non ci fa bene: può generare mal di schiena, male al collo, altre ancora dolori di spalle. Questo perché è un’attività che si fa in piedi e per un lungo tempo, spesso si assume una posizione errata che può andare a gravare su problematiche già esistenti.

4- Stirare non è gratis: Un’ora di ferro da stiro acceso costa all’incirca 0,30-0,50€ (dipendentemente dal vostro ferro e dalla vostra tariffa.

5- Stirare è noioso: è un’attività ripetitiva, è tediosa e frustrante.

Piuttosto se non potete fare a meno di avere capi stirati alla perfezione, ad oggi si trovano molte stirerie che si pagano a peso.
Scegliete i capi indispensabili e portate solo quelli.
Spenderete qualche euro di più ma eviterete mal di schiena e stress.
Leggi in questo articolo come smettere di stirare in 5 mosse.

7 tutorial per profumare casa

7 tutorial per profumare casa

10 idee per rendere originale il tuo albero di Natale

10 idee per rendere originale il tuo albero di Natale

Svelato il motivo per cui alcune persone vedono i fantasmi

Svelato il motivo per cui alcune persone vedono i fantasmi

5 pensieri di Natale fai da te

5 pensieri di Natale fai da te

Come riciclare i barattoli di vetro

Come riciclare i barattoli di vetro

Pronti a sposarvi virtualmente con Ikea?

Pronti a sposarvi virtualmente con Ikea?

L'hamburgeria Single Burger di Milano era un esperimento di McDonald's

L'hamburgeria Single Burger di Milano era un esperimento di McDonald's