10 cose da sapere prima di uscire con un milanese

L'uomo di Milano ha la fama di lavoratore e di essere un po' posh, come conquistarlo?

 

Moglie e buoi dei paesi tuoi, ma vale anche per gli uomini? Se avete conosciuto un ragazzo di un’altra città dovrete assolutamente conoscere le usanze del luogo e magari abituarvi ad alcune piccole differenze. La generazione 2.0 ovviamente non ha problemi di confini e di barriera, è abbastanza aperta per non nascondersi dietro sciocche differenze. Ci sono delle cose però che è meglio sapere, soprattutto per affrontare con serenità i primi appuntamenti.

Dovete uscire con un milanese? La fama degli uomini cresciuti all’ombra di questa città è ormai nota (Milanese imbruttito docet) ed è anche vero che c’è molta differenza tra milanese di città e milanese di provincia.

1- Aspetta che sia lui a invitarti

Il milanese è uno all’antica, ama la donna moderna, quella che fa carriera, ma nel privato non vuole essere prevaricato (è un po’ complessato). Ama fare la prima mossa e se non la fa è perché non gli piaci abbastanza.

2- Fai attenzione al look

Stai attento alle firme, ma non devi dare l’impressione di essere appena scesa da una passerella. Ci vuole quindi un outfit informale e femminile. Giocatela molto sui particolari, soprattutto gli accessori. Li noterà sicuramente.

primo app
Cura l’abbigliamento: lo noterà!

3- Sii puntuale

Lui lo sarà sicuramente. Accetta 5 minuti di ritardo, ma non oltre… potrebbe subito pensare che te la tiri.

4- Dove ci vediamo?

Se è lui a dirti che passa a prenderti bene, altrimenti non chiederlo. Al primo appuntamento ci si vede di solito direttamente in un locale. Se è andata bene ed è educato ti accompagnerà a casa, altrimenti prendi un taxi e sii superiore.

5- Chi paga?

Il milanese è famoso per essere abbastanza generoso con le donne, ma si aspetta che tu faccia almeno finta di contribuire. Potreste dividere il conto e non ti devi offendere, è normale. Altrimenti è anche costume fare a turno.

aperitivo
Durante la settimana è meglio un aperitivo

6- Che locale scegliere?

Durante la settimana, l’aperitivo vestito, ovvero l’happy hour, è sempre la scelta migliore. Ci sono dei posticini in cui si mangia anche molto bene. Se poi la serata funziona, si può optare per una pizza, altrimenti tutti a casa. Minimo sforzo e soprattutto minima spesa. Se invece è sabato ci vuole una cena, possibilmente un ristorante etnico, dal classico giappo all’indiano.

7- La cantina è importante.

Fai sempre attenzione più che al menù (non è un buon gustaio, ma pensa di esserlo) alla carta dei vini (vanno ancora tanto di moda i corsi da sommelier e se lui è milanese vero ne avrà sicuramente fatto uno).

cantina
Una buona carta dei vini è importantissima

8- Chiacchiere sì, ma non andare sul personale

Il milanese parla di tutto e sicuramente ti vuole conoscere, quindi racconta un po’ di te e della tua vita, senza andare troppo sul personale. Non deve mai avere l’idea di averti già scoperta.

9- La regola della terza uscita

Vuoi una cosa seria? Non dirglielo, ma non essere troppo disponibile. Deve desiderarti o perderà subito interesse. Se ci tiene aspetterà almeno tre appuntamenti…

 

10- Non essere “azzeccosa”

Non sono freddi, ma non amano le smancerie. I suoi complimenti sono sempre velati e probabilmente non ti chiamerà 18 volte, non ti manderà una scarica di sms della buona notte, ma si farà sentire una volta sola dicendo le cose fondamentali. Tu sii naturale, ma non metterlo a disagio con chiamate, messaggi o spalmandoti addosso mentre siete in compagnia di amici. Potrebbe viverla male.

 

Crediti Foto: Pixabay; listsurge