3 astronauti in Panda conquistano lo spazio

Una bella avventura da raccontare e seguire!

Cosa ci fanno tre astronauti italiani su una Panda del 1998? Ma è chiaro, partono alla conquista dello spazio. Questa è la storia di un viaggio davvero molto particolare, che ci racconta Luca Colnaghi, che questa estate insieme ad altri due ragazzi salirà a bordo di una Fiat Panda del 1998 che parteciperà al Mongol Rally, una corsa automobilistica di beneficenza che da Milano per mezzo mondo li porterà in Mongolia, prima, e in Siberia, poi. Per un totale di 13mila chilometri in cui i tre avventurieri attraverseranno “Ucraina, Russia, i Paesi che finiscono in – stan e poi la Mongolia”.


Perché questi ragazzi partono per questo incredibile viaggio? Ce lo spiegano i diretti interessati: “Siamo ambasciatori di una campagna di Laureus Italia che ha come fine ultimo quello di raccogliere fondi per aiutare bambini vittime di violenza, emarginazione e bullismo attraverso lo sport e un team di educatori e psicologi“.

Luca Colnaghi poi aggiunge: “Ad oggi con la nostra campagna abbiamo raccolto per Laureus Italia oltre 3000€, speriamo con la vostra segnalazione di riuscire a tagliare un nuovo importante traguardo“.

Il gruppo partirà il 26 luglio da Milano per partecipare al Rally che ha regole molto semplici: possono partecipare vetture di cilindrata non superiore a 1.2, non si può usare il GPS o tecnologie analoghe per incentivare l’interazione con le popolazioni locali, si deve versare una somma in beneficienza, di cui 500€ all’associazione “Cool Earth”.

Federico, Marco, Luca: classe 1985, da Milano e limitrofi sono in tre e partiranno per questa bella avventura. “Insieme, come i Power Rangers, ci trasformiamo in Novy Gagarin , in missione spaziale con una Panda ribattezzata Vostok 85”. Sicuramente saranno da seguire: noi facciamo il tifo per loro!

Potete anche sostenere il progetto su Produzioni dal basso, anche se i soldi richiesti per poterlo avviare sono già stati raggiunti e avviati. Ma è per una buona causa, quindi donate, donate, donate!

Foto Facebook