8 cose da sapere per smetterla di sognare di sposare un pilota

Un cuore infranto in ogni aeroporto, il mito del pilota è un po' così, ma nella realtà...

 

Sognate di diventare la donna di un Top Gun, magari bello e sexy come Tom Cruise? Aprite gli occhi, bambine. È ora di svegliarsi, perché il fascino della divisa non è tutto. Diciamocelo chiaramente, anche Tommy, che all’epoca ha davvero fatto la sua bella figura, è alto un metro e una banana, una volta sceso dal suo aeroplano.
Non è certo questo il posto per denigrare un’intera categoria, ma sono tante le ragazze che sognano di sposare un pilota e magari di fare le hostess per passare la vita a volare verso destinazioni esotiche. La realtà è ovviamente un po’ diversa, pilota e hostess sono due belle professioni, impegnative, che però hanno numerosi limiti. E viste con realismo non sono poi così fascinose.

Cosa bisogna sapere per smettere di sognare un pilota?

La voce inganna

cabina
Annuncio dalla cabina

L’annuncio di benvenuto catalizza sempre l’attenzione (quando comprensibile): chi è il bel pilota chiuso in cabina? Si farà vedere? Meglio di no. Se volate low cost probabilmente sarà un giovane (troppo giovane per voi), se invece scegliete una compagnia di bandiere, come minimo, avrà l’età di vostro padre.

Faremo insieme una vita avventurosa

aereo
Viaggeremo insieme

Che cosa, avventurosa? Lui viaggerà e voi, sempre che lavoriate, starete a casa. Ah, ma siete hostess. E chi ve lo dice che viaggerete insieme. La turnistica non prevede “due cuori e una capanna”.

Però le vacanze…

sposare-pilota-3
Matrimonio con un pilota

Le vacanze sono un altro bel tema. Già perché i piloti, quelli di linea, portano la gente in giro per il mondo e ovviamente il periodo di vacanza è quello in cui si lavora di più. Qualche viaggio lo farete di sicuro, ma nei mesi in cui di solito si sta in ufficio, per godervi la calura estiva in città.

Abituatevi alla battuta sulle corna

pilota-2
Pilota e hostess

Questo è un classico. I piloti vogliono solo quello e le hostess non vedono l’ora di servirglielo su un piatto d’argento. È il mito dei mito. Come in tutti gli uffici, le scappatelle e i tradimenti non mancano, ovviamente. Quello che può dare fastidio è il commento che dovrete accettare: “avrà una donna in ogni aeroporto” oppure “certo che le hostess sono davvero belle…”. Per il resto del mondo sarete cornute, fateci il callo.

Tuo marito dov’è?

amore
Hai mai volato con lui?

Vola, dov’è, ma fa sempre le stesse tratte? Voi scomparirete, agli occhi degli altri c’è solo lui, che fa il lavoro più figo del mondo. Non vi chiederanno più come state, come va in ufficio o con i bambini, ma dov’è vostro marito, quando rientrerà a casa, se vola da solo o con un istruttore, se gli aeroplani scaricano le taniche dei wc in cielo, se esistono le scie chimiche, se ha paura della turbolenza o se voi avete paura di volare con lui. E poi la domanda delle domande: quanto guadagna?

Gli amici vi chiameranno per informazioni meteo e aeroportuali

sposare-pilota-2
Sarete un ufficio informazioni per gli amici

Questo è un altro classico: amici, vicini di casa, semplici concittadini incontrati una volta vi chiameranno: “Scusa, devo andare in vacanza, puoi chiedere a tuo marito se l’aereo è sicuro? Ho visto che il tempo è brutto, mi posso fidare? La compagnia XYZ è affidabile? Ma hanno aeroplani grandi? Il bagaglio? Che strada devo fare per raggiungere Fiumicino? Riesci a farmi avere degli sconti o dei biglietti gratis?”. Certo, sono qui per quello.

L’aspetto non è tutto

top gun
Non sono tutti come Tom Cruise

Torniamo un attimo sull’aspetto: un po’ come dei divi cinematografici, i piloti sono rappresentati sempre belli e abbronzati. Non è propriamente vero. Sono prima di tutto molto stanchi perché, scherzi a parte, fanno turni davvero massacranti. La tintarella spesso è artificiale, a volte non sono troppo alti e soprattutto con il tempo sviluppano la consueta pancetta, tipica di chi fa un lavoro sedentario. Però sono molto vanitosi. La divisa è come una seconda anima, i gradi devono brillare, ma al tempo stesso essere anche un po’ vissuti.

Le conversazioni con i piloti

pilota
Piloti e vanità

Può essere successo di tutto: la borsa è crollata, è morto il Presidente degli Stati Uniti, per lui l’argomento è uno solo: il suo lavoro. L’avvicinamento alla pista, il rullaggio, il vento al traverso, gli slot, i ritardi causati dai passeggeri indisciplinati con bagagli grandi come case e l’eruzione di qualche piccolissimo vulcano in giro per il mondo. Tutto molto interessante, ma al primo appuntamento anche no, figuratevi dopo.