A Riccione lo stabilimento balneare aperto anche in inverno

In Romagna il mare d'inverno sarà più bello!

Home > Lifestyle > A Riccione lo stabilimento balneare aperto anche in inverno

Il mare d’inverno non è solo una bellissima canzone scritta da Enrico Ruggeri e cantata, oltre che dal suo compositore, anche da Loredana Bertè. E’ una sensazione e un’emozione che solo chi ha vissuto la spiaggia e le onde nella stagione fredda, magari sotto una coperta di neve, può raccontare. Peccato che, però, nel nostro paese le spiagge chiudano a settembre, per riaprire, se tutto va bene, a Pasqua dell’anno dopo. A Riccione, però, vogliono invertire questa tendenza!

spiaggia con neve<

A Riccione, nella Riviera Romagnola che avrebbe molto da insegnare ad altri lidi sparsi in Italia e nel mondo per ospitalità, servizi e creatività, hanno deciso di permettere agli amanti del mare di viverlo anche in inverno. Non solo in estate sotto il sole caldo, tra un bagno in mare e una partita a beach tennis, ma anche quando le temperature cominciano a farsi decisamente proibitive.

La Spiaggia del Sole (bagni 86-87) a Riccione è di fatto il primo stabilimento balneare aperto tutto l’anno. Sì, anche in inverno. Salvo maltempo, come accade anche in estate, la spiaggia sarà aperta tutti i giorni dell’anno. Per accogliere quanti vorranno andare al mare anche quando la colonnina di mercurio del termometro è ben al di sotto delle canoniche temperature da spiaggia.

Lo scorso anno l’esperimento con cupole riscaldate per provare l’emozione di cenare in spiaggia durante le feste di Natale. Quest’anno la famiglie Gabellini e Angelini ha deciso di attrezzare la spiaggia anche per affrontare il più freddo degli inverni.

mare d'inverno

L’idea è piaciuta talmente tanta che anche altri lidi si attrezzano per diventare stabilimenti balneari aperti tutto l’anno. Certo, bisogna attrezzarsi bene per non far soffrire il freddo, ma volere è potere.

Chissà se anche altre spiagge italiane decideranno di regalarci il mare d’inverno (che, per inciso, Ruggeri ha scritto ispirandosi al mare di Marotta, nelle Marche, dove era solito trascorrere le vacanze dalla famiglia!).