Alessandro Maria, trovati forse 3 cordoni ombelicali compatibili

Buone notizie per la corsa contro il tempo per salvare Alessandro Maria, bambino che ha bisogno urgente di un trapianto di midollo.

Home > Lifestyle > Alessandro Maria, trovati forse 3 cordoni ombelicali compatibili

Alessandro Maria è un bambino londinese, con genitori italiani, che ha un bisogno disperato di un trapianto di midollo osseo, a causa di una malattia rara che potrebbe essere fatale. In Italia, la gara di solidarietà è letteralmente esplosa, dopo l’apertura di una pagina Facebook nella quale si chiedeva a tutti coloro che avevano i giusti requisiti di eseguire i test per capire se il loro midollo poteva essere compatibile con quello del piccolo Alex. Oggi le speranze sono tornate a farsi vive: forse il bambino si può salvare!

Alessandro Maria midollo

Non dobbiamo assolutamente fermarci. Dobbiamo continuare a cercare, quindi non si fermano le ricerche per trovare un midollo compatibile, ma pare arrivino buone notizie. Tre sacche di cellule staminali emopoietiche da cordone ombelicale che potrebbero essere utilizzate per un trapianto di midollo.

Il papà, da Londra, dove Alex è ricoverato, dice di non aver avuto alcuna notizia, mentre la zia frena sull’entusiasmo che potrebbe nascere da queste notizie, perché questo tipo di trapianto potrebbe essere più rischioso. Mentre i medici continuano a chiedere alle persone di farsi avanti, di fare i test per la compatibilità, per continuare a tenare viva la speranza.

Una selle sacche sarebbe iscritta nel registro di Bologna insieme ad altri 30mila cordoni, mentre le altre due sacche si troverebbero in Europa. Il papà di Alex ha detto: “Purtroppo noi genitori ad oggi non abbiamo ricevuto alcun aggiornamento da parte dell’ospedale inglese circa la compatibilità del cordone ombelicale pur identificato in tempi record da parte del Centro Nazionale Trapianti, del Centro Nazionale Sangue e del registro nazionale italiano Ibmr“.

Alessandro Maria

Paolo Montresor aggiunge: “Abbiamo inoltre inteso che la sua utilizzabilità è condizionata dall’attuale quadro clinico di Alessandro Maria. In attesa di notizie in merito da parte dei medici inglesi, preghiamo tutte le persone che hanno preso a cuore il nostro appello di continuare la tipizzazione, continuate a regalarci una speranza“.

La famiglia coglie l’occasione per ringraziare tutti coloro che in questi giorni si sono mobilitati per dare una speranza non solo ad Alessandro Maria, ma anche a tutti i bambini che sono in attesa di un trapianto. La gara di solidarietà continua, per Alex e per tutti i piccoli bisognosi di una speranza di vita!