Arriva il bambolo gonfiabile per le donne

Sarà decisamente realistico!

Home > Lifestyle > Arriva il bambolo gonfiabile per le donne

La parità dei sessi passa anche attraverso ai sex toys pensati per lei che si ispirano a quelli da sempre realizzati per lui? Forse è un po’ una forzatura, ma sta di fatto che qualcosa è cambiato nel tabù del sesso, almeno per quello che riguarda noi donne. Il mondo dei sex toys si arricchisce ogni giorno di nuove proposte, sia per il piacere maschile sia per il piacere femminile. Complici serie tv come Sex and the City ora non dobbiamo più vergognarci di parlare di certi argomenti. E ci sono aziende che pensano alle donne e al loro piacere: non solo con vibratori, ma anche con bamboli gonfiabili!

Realbotix è un’azienda che realizza sexy dolls che nulla hanno a che vedere con le bambole gonfiabili che siamo abituati a vedere in occasione di addii al celibato molto particolari (e talvolta anche imbarazzanti). Si tratta di bambole decisamente realistiche, forse un po’ troppo e per questo inquietanti.

Nel 2018 l’azienda ha deciso di ampliare la sua offerta, proponendo non solo più bambole robotiche che definire gonfiabili è troppo riduttivo, ma anche bamboli… Ovvero robot pensati appositamente per il piacere femminile. L’azienda californiana punta molto su questo settore, proponendo bamboli che sono perfetti per lei, ma anche per chi è omosessuale o bisex.

Ogni bambolo (che brutto termine, davvero!) avrà caratteristiche fisiche precise e anche una sua personalità marcata: sarà come avere una persona di fianco, non solo un oggetto per soddisfare le nostre voglie. Ogni robot è dotato di Harmony, un’intelligenza artificiale che si collega a un’app mobile per simulare una vita reale insieme.

Tramite l’app gli utenti possono personalizzare il carattere delle bambole, così ogni robot sarà esattamente il partner che sogniamo, ma che nella vita reale non abbiamo trovato. Il costo? 15mila dollari.

Siamo certi che questi robot non saranno deleteri isolandoci sempre di più dal mondo reale? Finiremo con il credere che la nostra dolce metà non esiste e solo un robot potrà soppiantarla. E non è bello!