Back to school: come risparmiare

Le voci di spesa sono tante purtroppo!

Home > Lifestyle > Back to school: come risparmiare

Mamme, papà, ci siamo: i bambini presto ritorneranno a scuola! Il che è un bene, perché in estate molte famiglie hanno il problema di dove far stare i bambini quando i genitori sono a scuola: se non ci sono nonni, parenti, amici disponibili è davvero un grande dilemma. Certo, con il ritorno sui banchi di scuola ritornano anche le sveglie al mattino presto, le corse per non arrivare tardi, il servizio di taxi tra le diverse attività. Insomma, si ritorna alla vita di tutti i giorni dopo la “pausa” (si fa per dire pausa!) estiva. Ma quanto ci costa il back to school in termini economici? Tanto, ci costa ogni anno troppo!

A settembre, con date diverse da regione a regione, gli studenti italiani torneranno sui banchi di scuola e prima le famiglie dovranno fare i conti con le spese per affrontare il nuovo anno scolastico. Libri, zaini, diari, accessori, ma anche capi di abbigliamento… Le voci di spesa per il back to school possono influire molto sul bilancio famigliare.

Idealo – il portale internazionale per la comparazione prezzi degli acquisti online – ha analizzato i prezzi dei principali prodotti utili per la scuola, dandoci indicazioni sulla spesa media per i primi tempi. Anche l’Osservatorio Nazionale Federconsumatori ha fatto qualche calcolo sulla spesa scolastica, registrando un aumento medio del +0,7% rispetto al 2016. Per risparmiare un po’, via libera allo shopping online e all’usato.

Per poter affrontare il mese di settembre, un alunno delle scuole primarie può spendere circa 160 euro per un set composto da zaino, diario, astuccio, set di 5 penne a sfera, 12 matite colorate, gomma, righello, forbici, 6 quadernoni, album da disegno e anche capi di abbigliamento, borraccia, ombrello. Insomma, mica poco visto che poi ci serviranno anche altre cose durante l’anno.

idealo sottolinea che le offerte online sono molto vantaggiose: acquistare in cartolibreria non è una scelta vantaggiosa per le famiglie, perché in media i prodotti costano il 24,24% in più rispetto a supermercati e ipermercati e il 14,88% in più rispetto alle offerte online. In più la grande distribuzione proprio in questi giorni fa offerte decisamente interessanti.

Risparmiare, dunque, si può: basta solo fare un po’ di attenzione e confrontare tutti i prezzi!