Bambino di 7 anni chiama la polizia e l’agente rimane….

Sembrava un giorno come gli altri a Norwalk, in California, quando ad un certo punto, in una casa, entrano tre uomini armati. Volevano derubare la famiglia. Non appena i malviventi sono entrati, hanno preso in ostaggio un uomo ed una donna. Però, non sapevano che in casa c’erano anche due bambini…


Erano Carlos, di sette anni e sua sorella minore di sei. Il fratello maggiore quando ha capito quello che stava per accadere, ha preso subito la sorella e si sono chiusi in bagno. Nel frattempo ha chiamato la polizia. Fortunatamente i tre ladri non si sono resi conto della presenza dei due piccoli. Quando la polizia ha risposto, Carlos ha detto: “Ci sono alcuni uomini, stanno per uccidere mia madre e mio padre… per favore puoi venire? Puoi venire veramente veloce?” L’agente, Monique Patino, non riusciva a credere a quello che stava dicendo quel bambino, infatti ha dichiarato ai giornalisti, che quella telefonata è stata orribile. Carlos le ha detto che i malviventi avevano delle pistole e che se gli agenti non fossero arrivati subito, i suoi genitori sarebbero morti. Monique, quando ha sentito quelle parole, ha cercato di rimanere calma, ma le cose hanno preso una piega diversa. Purtroppo, i tre ladri hanno sentito la sorellina minore di piangere in bagno e a quel punto hanno buttato giù la porta ed hanno preso il bambino e gli hanno urlato contro per sapere chi aveva chiamato. Ecco il video della telefonata di seguito:

Carlos, ha ammesso con coraggio ai tre ladri che aveva chiamato la polizia. Per fortuna però, gli agenti sono arrivati pochi minuti dopo che li hanno scoperti.

Grazie a Dio questa storia si è conclusa nel migliore dei modi, solo grazie al coraggio che ha avuto Carlos.

Fate conoscere a tutti quello che è accaduto per rendere omaggio al piccolo.

Condividete!.