California, un manager offre 10mila dollari a chi trova la sua anima gemella

Dai, diamoci da fare!

Home > Lifestyle > California, un manager offre 10mila dollari a chi trova la sua anima gemella

Trovare l’anima gemella non è facile, soprattutto se si ha poco tempo a disposizione. E mentre l’orologio biologico va avanti, noi ci ritroviamo a fare i conti con un amore che tarda ad arrivare, mentre noi vorremmo avere qualcuno accanto con cui condividere le giornate e con cui magari formare una bella famiglia felice. Come fare se l’anima gemella non arriva? C’è chi consiglia di smettere di cercare, perché non appena non ci pensi più ecco che lei arriva. E chi, invece, offre una ricompensa di 10mila dollari a chi saprà trovarla al posto suo!

Oggi vi raccontiamo la storia di Joe Cohen, un manager americano che vive in California, a Orange County: lui è ancora single, ma vorrebbe tanto trovare l’amore della sua vita. Così ha deciso di pubblicare su internet uno strano annuncia, offrendo 10mila dollari, pari più o meno a 8.500 euro, a chi gli darà una mano a trovare la donna della sua vita.

Ovviamente non si accontenterà di chiunque gli capiti a tiro: ha degli standard piuttosto elevati e fa difficoltà a conoscere nuove persone. “Mi ritengo una persona amabile, intelligente, aperta e tollerante. Mi piace il trekking e adoro viaggiare”: Cohen si descrive come un uomo semplice, ma dalle mille qualità. E la sua promessa sposa deve avere gli stessi requisiti.

Ma come deve essere questa anima gemella? Non deve essere più alta di 1,75 metri, ovviamente bella, con età compresa tra i 20 e i 30 anni. Non deve già avere figli, deve essere di mentalità aperta, educata e se pratica l’ebraismo come lui sarebbe meglio, anche se su questo punto è un po’ più largo di maniche.

Attenzione, però, se pensate di avere un’amica che ha i perfetti requisiti, sappiate che i 10mila dollari non vi arriveranno solo perché gliel’avete presentata: prima i due devono frequentarsi per almeno quattro mesi, per capire se è davvero amore oppure no.

Non faceva prima a rivolgersi a un’agenzia matrimoniale? Avrebbe speso anche meno!