Chirurgia plastica estrema: attenzione a richiedere Lati B eccessivi

Ne va di mezzo la salute!

Home > Lifestyle > Chirurgia plastica estrema: attenzione a richiedere Lati B eccessivi

Ciascuna di noi ha le sue aspirazioni. C’è chi vuole una buona istruzione, chi un lavoro ben pagato, chi avere tanti soldi, chi un amore da favola. E poi c’è Natasha, il cui sogno nel cassetto è quello di avere il Lato B più grande del mondo. Questa è una storia davvero incredibile, che ci fa pensare quello che siamo disposti a fare e a rischiare pur di apparire come non siamo.

Natasha è disposta a rischiare anche la vita pur di veder realizzare questa aspirazione, nonostante i medici l’abbiano più volte avvertita dal fatto che potrebbe mettere a rischia la sua vita con questi interventi chirurgici. Natasha sostiene che da piccola ha visto una donna con un Lato B imponente e da allora ha sempre desiderato averne uno simile. Finora i medici hanno prelevato grasso dalle braccia, schiena e cosce per aumentare le dimensioni dei suoi glutei, fino ad arrivare a 85 pollici, circa 216 centimetri. Un Lato B di queste proporzioni ha i suoi svantaggi: in aereo Natasha deve occupare due posti, non riesce a correre e non può più dormire sulla schiena. Recentemente la donna ha poi chiesto un consulto con il dott. Andrew Ordon in quanto vorrebbe arrivare a 100 pollici, circa 254 centimetri.

Secondo il medico, l’intervento è fattibile, ma non ritiene che sia etico e sicuro procedere in quanto la donna “sta creando qualcosa di innaturale”: sottoporre Natasha ad un intervento del genere per un chirurgo sarebbe immortale.

Inoltre l’intervento è pericoloso per via anche del peso raggiunto da Natasha.

Al momento Natasha ha deciso di pensarci bene prima di sottoporsi alla chirurgia: vuole ancora farla, ma valuterà bene i rischi.

E’ piuttosto triste pensare che un dettaglio anatomico definisca chi è una persona: la salute è più importante dell’aspetto esteriore.