Cibi da non gettare mai nello scarico del lavello

La brutta abitudine che molti di noi hanno per risparmiare tempo è quella di gettare nel lavello i residui di cibo presenti nei piatti quando li laviamo.

Home > Lifestyle > Cibi da non gettare mai nello scarico del lavello

Ecco i 5 cibi da non gettare mai nello scarico del lavello per evitare di intasarlo.

La brutta abitudine che molti di noi hanno per risparmiare tempo è quella di gettare nel lavello i residui di cibo presenti nei piatti quando li laviamo.

Chissà quante volte lo abbiamo fatto e quanto volte erroneamente abbiamo pensato di aver risparmiato tempo gettando i residui di cibo direttamente nello scarico del lavello.
Quando laviamo i piatti infatti, i miscugli di cibo non scivolano via attraverso le tubature come se nulla fosse, anzi la maggior parte delle volte vanno a creare un vero e proprio blocco, necessitando successivamente come molto spesso accade l’intervento di un idraulico.
Ecco quindi una lista dei 5 cibi che non dovresti mai gettare nello scarico del lavandino.

1. Pasta, riso e bucce di patate

Sono alcuni degli alimenti più gettati nello scarico creando più problemi alle tubature.
Essendo infatti ricchi di amido, nel momento in cui vengono a contatto con l’acqua si gonfiano creando dei veri e propri blocchi.

2. Olio

Esso è uno degli alimenti più intasanti.
Infatti nell’olio può verificarsi un processo di solidificazione.
È bene quindi dopo aver gettato olio nello scarico, far scorrere acqua bollente per 2 minuti.

3. Fondi di caffè e frammenti di gusci d’uovo

Anche se può sembrare solo polvere, il caffe provoca importanti danni alle tubature, così come i frammenti di gusci d’uovo.
Il caffè infatti a contatto con l’acqua diventa più morbido ma allo stesso tempo compatto.

4. Semi e cereali

Sono troppo solidi per essere gettati nel lavandino e il contatto con lacqua peggiora la situazione.
Meglio buttarli nell’immondizia.

5. Alimenti filanti

Elementi filanti come il sedano o gli asparagi non andrebbero mai gettati nello scarico.
Si correrebbe il rischio di creare delle vere e proprie matasse filamentose le quali creano blocchi alle tubature.