Come trasformare gli hashtag in alberi

Ecco la bella iniziativa di Conlegno e Legambiente.

Si possono trasformare gli hashtag in alberi? Se ci pensiamo bene, ogni giorno sono tanti gli hashtag che scriviamo per accompagnare i nostri messaggi sui social network. Non sarebbe bello poterli trasformare in piante che possano dare un po’ di ossigeno al nostro amato pianeta, combattendo lo smog delle grandi metropoli? E’ quello che è successo con una bellissima iniziativa lanciata da Conlegno e Legambiente, in occasione della Festa dell’Albero. A Cisliano, nel milanese, 1.963 hashtag si sono trasformati in 70 alberi per la campagna social #unalberoè.



COMPRA QUI PETFOUNTAIN!

La campagna social “Per fare un albero ci vuole un hashtag” è stata lanciata lo scorso 21 novembre da Conlegno (Consorzio Servizi Legno Sughero) in collaborazione con Legambiente e si è concretizzata la mattina del 6 aprile in un’area verde di circa 2000 m2 a Cisliano, comune a sud-ovest di Milano, con la messa a dimora di 70 alberi.

All’iniziativa, che ha permesso di piantare 70 alberi contro lo smog di Milano, erano presenti il Sindaco della città Luca Durè, il vice presidente di Legambiente Lombardia Marzio Marzorati, il presidente di Legambiente Cisliano Alessandra Lenzi e i rappresentanti di Conlegno, Consorzio da sempre impegnato nella tutela del patrimonio forestale e della biodiversità.

La promessa del consorzio per la Festa dell’Albero era di piantare un albero ogni 50 post pubblicati con l’#unalberoè invitando il popolo dei social a condividere su Facebook, Twitter e Instagram il loro amore per la natura. L’hashtag è stato utilizzato per ben 1.963 volte in 24 ore, entrando tra le tendenze del giorno e raggiungendo la soglia di 40 nuovi alberi, ai quali il Consorzio ne ha voluti aggiungere altri 30 moltiplicando la solidarietà.

Tra le specie che hanno ripopolato l’area ci sono carpini, aceri campestri, ligustri, biancospini, cornioli, querce e frassini.

Il luogo dove sono stati piantati gli alberi è stato individuato con Legambiente all’interno del Parco Agricolo Sud Milano.