Come vivere a lungo con la dieta-antinfiammatoria

La dieta-antinfiammatoria sarebbe il segreto per una lunga vita sana e felice.

Come vivere a lungo e in salute? Basta seguire i dettami della dieta-antinfiammatoria, che gli esperti considerano come un vero elisir di lunga vita. Per vivere bene, in salute, più a lungo, si devono portare in tavola tutta una serie di nutrienti che possono aiutarci a ridurre la mortalità. Dobbiamo anche abbandonare tutta una serie di ingredienti che, invece, potrebbero accorciare notevolmente la nostra esistenza, come confermato da questo studio pubblicato sul Journal of Internal Medicine e realizzato dall’Università di scienze della vita di Varsavia, dal Karolinska Institutet, dal Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle e dall’Università di Uppsala.


Come vivere a lungo con la dieta anti infiammatoria

Per vivere più a lungo e in salute dobbiamo mangiare più frutta e verdura, ma sulla nostra tavola non possono mancare il tè, il caffè (per nostra gioia), il pane integrale. A colazione non possono mancare cereali, possibilmente integrali, mentre durante il giorno possiamo concederci anche del formaggio magro. Come condimenti sono olio di oliva e di colza.

ACQUISTA IN SCONTO IL GUANTO MAGICO!

Per gli snack sì a noci e cioccolato. E, udite udite, sono anche concesse quantità moderate di vino rosso e anche di birra.

Cosa non mangiare? No agli alimenti che possono aumentare le infiammazioni, come la carne rossa non lavorata e trasformata, le patatine e le bevande analcoliche.

Lo studio scientifico

La ricerca scientifica è stata condotta dai ricercatori dell’Università di scienze della vita di Varsavia, del Karolinska Institutet, del Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle e dell’Università di Uppsala ed è stata pubblicata sul Journal of Internal Medicine. E’ stata condotta su 68.273 uomini e donne svedesi con età compresa tra i 45 e gli 83 anni.

Chi ha seguito la dieta anti infiammatoria ha avuto un rischio ridotto del 18% di mortalità per tutte le cause e del 20% per malattie cardiovascolari e del 13% per cancro. I fumatori che hanno seguito la dieta hanno avuto benefici incredibili e maggiori rispetto ai fumatori che invece non l’hanno seguita.