Concedersi al primo appuntamento

Concedersi al primo appuntamento va bene o è un male? gli esperti rispondono. Per molti questo è un argomento tabù ma è tempo di sapere cosa ne pensano gli espe

Home > Lifestyle > Concedersi al primo appuntamento

Concedersi al primo appuntamento, va bene o è un male? Questa è una delle domande più ricorrenti che le coppie ci chiedono oggi giorno e noi vogliamo dare una risposta, potremmo iniziare ad interessarci a ciò che gli esperti pensano.

Come parte della celebrazione della Giornata mondiale del se$so, uno studio condotto dall’applicazione di appuntamenti Happn, ha rivelato come le persone si comportano per conquistare un partner. Per quanto riguarda il metodo di conquista, Infobae ha annunciato che quasi la metà degli intervistati ha ammesso di godere del (46%). “Amore a prima vista”(46%) che potrebbe essere sostituito da “attrazione a prima vista” poiché l’amore come sentimento arriva col tempo. “Attualmente, il se$so è venuto ad occupare un posto centrale nel corteggiamento. Il collegamento fisico o il cosiddetto ‘a pelle’, sono cruciali per continuare un rapporto che è appena iniziato, e, a volte, anche se ci sono le condizioni per continuare, basta l’atto intimo che è stato presentato come unico obiettivo “, ha detto in un dialogo con Infobae Walter Ghedin, psichiatra e ses$uologo. D’altra parte, la dottoressa Beatriz Literat, ses$uologa clinica e ginecologa del Dipartimento di Gyneco-Sex-Aesthetics of Halitus Medical Institute, ci sono differenze generazionali e geografiche tra gli abitanti del paese. Per lei, i tratti del comportamento intimo sono determinati a seconda di dove vivi. “In generale, la ses$ualità viene utilizzata con maggiore libertà, le coppie di tutte le età ricorrono a consultazioni per risolvere le difficoltà intime o semplicemente per imparare nuove tecniche”, ha detto.

Gli uomini sono quelli che di solito cercano il contatto intimo al primo appuntamento, a volte le ragazze accettano o talvolta decidono prima di conoscere la persona che frequentano, l’educazione, i gruppi sociali e l’alcol sono solo alcuni degli elementi che influenzano il processo decisionale “.

Il paradigma che l’uomo è colui che invita la donna fuori è rimasto nel passato. Il sondaggio preparato dall’applicazione delle citazioni ha indicato che otto su dieci argentini (paese in cui è stato effettuato lo studio), ritiene che fare il primo passo non sia una questione di genere.

Sebbene nelle giovani generazioni questo modo di pensare si sia completamente installato, in quelli con più di 35 anni, due su dieci considerano ancora che l’uomo debba essere il primo a farsi avanti. “Nel nostro paese, la fase di conquista, anche se breve, è molto apprezzata, queste prime impressioni sono fondamentali quando si decide di avere altri incontri, quindi tutte le abilità che vengono schierate sono prese in considerazione”, ha spiegato Ghedin.

Attraverso questo studio è stato anche rivelato che il 45% di coloro che cercano un partner almeno una volta alla settimana, ha rivelato che lo fanno solo per finire al letto. Queste persone di solito escono con più persone contemporaneamente o escono con qualcuno a cui non sono realmente interessati.

Gli esperti raccomandano in termini di fare l’amore al primo appuntamento, provare a conoscere un po ‘più a fondo quella persona o adottare le misure necessarie durante l’atto come l’ uso del preservativo per prevenire la diffusione di malattie trasmissibili e altre malattie gravi come HIV.

Riassumendo, concedendovi al primo appuntamento, non potete sapere se quella persona è realmente interessata a voi o se cerca semplicemente uno sfogo fisico.