Consigli inutili da non dire a una persona che soffre

3 consigli inutili che non dovresti mai dire a una persona che soffre.

Home > Lifestyle > Consigli inutili da non dire a una persona che soffre

3 consigli inutili che non dovresti mai dire a una persona che soffre. Dare consigli non richiesti può essere considerato sbagliato, perché aiutare e sostenere gli altri è un processo molto delicato. Richiede molta empatia, curiosità e pazienza, mentre parlare e lanciare dichiarazioni semplici e vuote alle persone non è molto utile.

 

 

Stai dando consigli per aiutare davvero una persona che soffre o è semplicemente perché ti piace dire la tua in una situazione in cui non c’entri?

Alla gente piace pensare di essere sempre d’aiuto, ma a volte non è così. Ecco tre consigli inutili che le persone danno agli altri che stanno vivendo una lotta interna.

1. “Lascia perdere”

Altre varianti: “Dimentica il passato”. “Vai avanti.” Dire semplicemente a qualcuno di ignorare le loro esperienze passate è altamente controproducente. Per la maggior parte, siamo prodotti del nostro ambiente. Quello che siamo e il modo in cui reagiamo alle nostre esperienze, si basa su quelle passate.

Quindi se stai soffrendo e una persona ti consiglia di agire in un determinato modo senza capire davvero cosa provi, ti sta dando un consiglio inutile e sbagliato. Questo è l’opposto di un approccio utile.
A volte la gente si blocca, intellettualmente ed emotivamente, e invece di analizzare in modo costruttivo la loro situazione, inizia a seguire i consigli sbagliati degli altri e inizia a sentirsi sopraffatto.
In generale, la fonte dei problemi principali è nel passato, quindi è fondamentale analizzare e capire cosa disturba in quel momento la persona che soffre.

Quando si capisce il motivo per cui si sente come si sente, allora si può pensare di andare lentamente avanti. Questo processo è molto complesso. Semplificarlo è inutile.

2. “Sii più razionale”

Variazioni: “Sii più logico”. “Prendi decisioni migliori.” “Migliora solo il tuo comportamento.” Anche se non c’è nulla di fondamentalmente sbagliato in questa affermazione, non è così semplice come alcuni fanno. Certo, essere più in linea con la realtà oggettiva e essere più razionali è molto utile. Quando ci sentiamo sopraffatti o abbiamo altri problemi, è preferibile utilizzare la ragione, analizzare la situazione e prendere una decisione razionale e ben informata. Tuttavia, molte persone hanno difficoltà a regolare le proprie emozioni o non hanno sviluppato la mentalità razionale richiesta per farlo. Quindi, dire a una persona di essere “più razionale” non è molto realistico.
In molti casi, l’irrazionalità è un meccanismo di difesa, quindi è necessario esplorare cosa c’è dietro. Anche se una persona si rende conto di non essere ragionevole, spesso non può diventare più logica e razionale con una dichiarazione. Ci vuole un sacco di lavoro che deve fare da solo, studiarlo e praticarlo. Non è qualcosa che puoi fare con uno schiocco di dita.

3. “Non pensarci ora”

Variazioni: “Le cose non sono così male come sembrano”. “Tutto è nella tua testa.” “Ma la tua vita è bella.” “Sii solo felice.”

Questa è una variazione dei punti precedenti. Significa che forse la persona non è realista, si preoccupa troppo, le cose non sono come pensa che siano e non dovrebbe concentrarsi così tanto su questo.

Ci sono sicuramente situazioni in cui una persona può fare un passo indietro e guardare la propria situazione in modo più obiettivo per ottenere una prospettiva diversa sulle cose e smettere di preoccuparsi. Sì, a volte è possibile regolare le proprie emozioni distraendosi con un’attività e questo è sufficiente per rompere il modello di pensiero ed emozione. Tuttavia, le persone che danno questo tipo di consigli tendono a far sembrare le cose troppo semplici.

Spesso, la persona non può “semplicemente non pensarci” perché i suoi pensieri sono compulsivi, sono invadenti e sono altamente involontari. Le sue emozioni sono troppo opprimenti e troppo invasive. Quindi “pensare a qualcos’altro” non è così semplice. Questo è il caso anche quando la persona si rende conto di essere irrazionale o che la sua situazione non è così grave come le sue emozioni la fanno sembrare.

I problemi psicologici ed emotivi sono complessi. Alcune persone non capiscono o negano e finiscono per semplificare le cose. Non solo, quando vedono altre persone alle prese con problemi mentali, tendono a consigliare loro dicendo qualcosa di ovvio, semplice come “Sii felice”, come se una persona depressa potesse schioccare le dita e diventare felice. Ci vuole un sacco di lavoro per identificare la vera fonte dei tuoi problemi e risolverli in un modo reale ed efficace. Ridurre al minimo questo può far in modo che la persona abbia maggiori difficoltà. Un approccio migliore è empatia, supporto e curiosità.