Crede di avere un’intossicazione alimentare, invece è incinta di 37 settimane

Ecco una storia incredibile, ma vera!

Home > Lifestyle > Crede di avere un’intossicazione alimentare, invece è incinta di 37 settimane

Ci sono casi in cui una donna è incinta e non lo sa. E magari lo scopre proprio a ridosso del parto. Non è impossibile, ci sono molte storie che ci raccontano il contrario: magari non ha sintomi, il ciclo è sempre stato irregolare e non si è preoccupata, è così magra che il pancione stenta a vedersi fino all’ultimo mese. Può capitare, davvero!

 

Publiée par Crystal Gail Amerson sur dimanche 29 octobre 2017

Ci sono donne che se ne accorgono quando ormai sono passati alcuni mesi, senza aver mai sospettato di avere un bambino che cresce nel proprio grembo. Altre addirittura se ne accorgono solamente quando il piccolo viene al mondo: sicuramente una sorpresa che spiazzerebbe tutti quanti, non vi pare? Oggi vi raccontiamo la storia di una ragazza che non sapeva che stava per diventare mamma. Pensava a un’intossicazione alimentare. Crystal Gail Amerson è una ragazza di 29 anni che vive in Florida. All’improvviso ha sentito un dolore fortissimo allo stomaco, mai provato prima. Non capiva cosa le stesse accadendo. Quel giorno aveva mangiato del pollo, così ha subito pensato a un’intossicazione alimentare. Il compagno, Brian Westerfield, ha subito chiamato l’ambulanza. Poco dopo Crystal ha scoperto che il pollo non c’entrava, non aveva un’intossicazione e quelli non erano crampi allo stomaco. Erano contrazioni. Stava per partorire!

Publiée par Crystal Gail Amerson sur samedi 2 décembre 2017

I medici hanno subito capito che stava per avere un bambino. Pochi minuti dopo è nato Oliver James Westerfield. Il piccolo stava bene e pesava 2.5 chilogrammi. Dopo il parto Crystal ha ammesso che forse qualche segnale il suo corpo lo aveva mandato: ma con un’altra figlia e tutto quello che aveva da fare ogni giorno, non ci aveva mai minimamente pensato!

Publiée par Crystal Gail Amerson sur samedi 31 mars 2018

Una sorpresa talmente grande che lei non era preparata. Così ha lanciato una colletta online, per raccogliere i fondi per comprare un’auto famigliare. Ne hanno veramente bisogno adesso che, all’improvviso, la famiglia si è allargata!