Desideravano una figlia e la adottano in Uganda ma il finale è diverso da quello che vi aspettate

Ecco il perché di questo gesto incredibile.

Decidere di adottare un bambino è uno dei più grandi gesti d’amore che possiamo fare. Talvolta, però, i genitori con ottime intenzioni vengono frodati da persone senza scrupolo che vogliono lucrare nel mercato delle adozioni. E’ quello che è successo a Jessica e Adam Davis, che nonostante avessero già quattro figli decisero di adottarne un’altra.


Volevano allargare la famiglia, ma volevano dare un’opportunità divita migliore a un bambino senza futuro. Così incontrarono una bambina di 6 anni dell’Uganda, credendola orfana. Era la bambina perfetta.

Alla coppia raccontarono che il padre era morto e che la madre non si prendeva cura di lei. Aveva subito anche molti abusi. Non andava a scuola perché la madre non poteva permetterselo.

Jessica e Adam Davis appresa la sua situazione la adottarono subito: incontrarono Namata nel 2015 in Uganda, in un orfanotrofio. Dopo sei mesi dall’adozione, quando tutto sembrava andare bene e i Davis erano una famiglia felice, la ragazzina imparò a parlare bene l’inglese e raccontò la sua triste e terribile verità.

La ragazza non smetteva mai di dire che la mamma le mancava, che era affettuosa, le voleva bene. Le mancavano anche i compagni di classe, dove andava tutti i giorni. E che non era mai stata maltrattata a casa. I Davis erano sconvolti, perché loro conoscevano un’altra versione dei fatti.

La coppia prese allora una decisione per rendere giustizia alla piccola, pensando anche ai genitori forse disperati perché lei non era più con loro. Dopo aver scoperto chi era la madre biologica, i volontari dell’Uganda Reunite (un’organizzazione senza scopo di lucro che cerca di riunire i bambini che si sono allontanati dai loro genitori con falsi pretesti) l’hanno rintracciata e contattata.

Poi in un video in FaceTime tra i genitori biologici e quelli adottivi tutto è stato svelato. Non appena mamma e figlia si sono riviste, l’emozione era tangibile. La donna era stata ingannata. I Davis spiegarono com’erano andate le cose e lo stesso fece la mamma naturale, che pensava che la figlia fosse in America a studiare e sarebbe tornata da lei dopo gli studi. Invece capì che se non si fosse imbattuta nei Davis, non l’avrebbe rivista mai più!

A questo punto i Davis hanno preso la seconda decisione migliore per lei: l’hanno riportata dalla sua famiglia!

Chissà quanti altri bambini sono stati strappati via così!