Dipendenza da Facebook, come smettere di usare per troppo tempo il social

Un problema che si sta diffondendo sempre di più tra le persone. Ecco come risucire a contrastare la dipendenza da Facebook.

Home > Lifestyle > Dipendenza da Facebook, come smettere di usare per troppo tempo il social

Facebook è tra i social network più utilizzati ed è diventato uno strumento di comunicazione indispensabile e in alcuni casi anche troppo utilizzato.  Infatti, alcune persone soffrono di dipendenza da Facebook.

Ogni strumento tecnologico, se usato in modo eccessivo, può diventare problematico, trasformandosi in un bisogno compulsivo di controllare qualcosa. Nel caso di Facebook, può nascere il bisogno di verificare costantemente il proprio o altrui profilo.

Dipendenza da Facebook: cosa succede

dipendenza-da-facebook-depressione

 

Questo tipo di dipendenza, come ci dicono gli esperti, porta all’isolamento dal mondo reale della persona.  Quest’ultima può così essere colpita più facilmente da patologie come disturbi d’ansia o depressione.

La dipendenza dai social la si può capire quando l’uso di questi strumenti diventa indispensabile, per cui non si può fare a meno di guardare lo smartphone ovunque siamo – a casa, in ufficio, in auto.

Dalla dipendenza, ne deriva una perenne distrazione dal mondo reale che porta le persone a essere sempre più sole. La dipendenza da Facebook è una patologia simile a quella da alcool o droghe.

L’utilizzo improprio del social è in certi casi un modo per alleviare altri disturbi, come la depressione e isolamento, perchè il mondo virtuale è considerato più sicuro e tranquillo.

Come smettere di usare Facebook: ci viene in aiuto il contatore

ristorante-prenoti-instagram

Per limitare l’utilizzo di Facebook, la cosa migliore da fare è darsi una regola e dunque stabilire solo alcuni  momenti precisi da dedicare al social, ad esempio la sera prima di cena oppure al mattino prima di andare a lavoro.

In tal senso può venirci in aiuto una recente funzionalità di Facebook, un contatore del tempo trascorso sulla sua piattaforma, che ci indica quanti minuti al giorno passiamo a commentare post, leggere articoli e guardare video sul social network.

Si tratta di una funzione che le persone possono usare per impostare un limite d’uso del social e contrastare, appunto, il rischio di una dipendenza.

La funzione contatore si trova in Impostazioni e privacy, quindi selezionare Tempo trascorso su Facebook. Per stabilire il tempo massimo da dedicare a Facebook è possibile selezionare l’opzione “Imposta un promemoria giornaliero.

Se l’uso dei social si dimostra però associata a una sofferenza molto acuta, è chiaro che chiedere aiuto a un professionista, psicologo o psicoterapeuta, può essere la soluzione migliore ai fini del recupero della propria vita reale.