Donna trovata ancora viva in un frigo dell’obitorio. Sconvolti i parenti

Il celebre scrittore Edgar Allan Poe era famoso per aver messo la sua paura di essere sepolto vivo nelle sue storie terribilmente terrificanti. Ma le sue storie non sono nulla in confronto alla realtà e a quello che è successo a una donna di Johannesburg. la vicenda sembra incredibile ma è reale e sui fatti sta indagando la polizia.

Siamo sicuri che anche Poe avrebbe rabbrividito leggendo le ultime notizie dal Sud Africa. Tutto è iniziato con un incidente stradale mortale avvenuto il 24 giugno nella provincia di Gauteng. In seguito a uno schianto sono morte 3 persone, o almeno così credevano i medici. Perché se 2 di loro sono rimaste morte, la terza, una donna, è tornata a vivere mentre si trovava nel frigo dell’obitorio. I paramedici del servizio di ambulanza di soccorso la esaminarono a fondo e conclusero che la donna non aveva alcun segno vitale. Gerrit Bradnick, il responsabile delle operazioni di emergenza, ha dichiarato a TimesLIVE: “Le apparecchiature utilizzate per determinare la presenza di vita nel corpo delle persone soccorse dall’ambulanza non hanno mostrato alcuna forma di vita sulla donna”. Classificata come deceduta, la donna fu trasferita nel frigo dell’obitorio. Ma, poco dopo, si è scoperto che la donna era tutt’altro che morta. Quando un membro dello staff ha controllato il corpo per compilare il modulo di constatazione del decesso si è accorto che la paziente stava respirando e ha estratto immediatamente dal frigo il corpo”. Bradnick, però, ha aggiunto che “questo non è accaduto perché i nostri paramedici non sono adeguatamente addestrati. Non ci sono prove di alcuna negligenza da parte della nostra squadra di soccorso.” La famiglia della donna, tuttavia, sembrava meno convinta. “Come famiglia, non parleremo di questo a meno che non siano presenti la polizia, i paramedici e gli ufficiali del obitorio coinvolti”, ha spiegato un membro della famiglia alla BBC.


“Abbiamo bisogno di risposte. E, per ora, le cose non sono molto chiare”.

Il nome della donna non è stato reso pubblico ma, purtroppo, lei non è stata l’unica persona a sperimentare un simile macabro errore.

Lo scorso gennaio, un prigioniero spagnolo che le autorità avevano messo in lista per l’autopsia si è svegliato poche ore prima della procedura.

Un altro sudafricano del KwaZulu Natal è stato similmente dichiarato morto in un incidente stradale ma, in seguito, è stato trovato che respirava. Purtroppo, però,morì poche ore dopo.

La confusione intorno allo stato della donna ha comprensibilmente sconvolto i suoi cari. Tuttavia, il suo ritorno in vita, da loro nuove speranze.