Durante il primo appuntamento lei trova qualcosa di strano nelle sue mani. Dopo 4 mesi viene a galla l’assurda verità

Home > Lifestyle > Durante il primo appuntamento lei trova qualcosa di strano nelle sue mani. Dopo 4 mesi viene a galla l’assurda verità

Oggi vi raccontiamo la storia di Steve e Hope Dezember. La loro, è una storia che tutti noi dovremmo prendere da esempio. Fin dal primo appuntamento, tra i due c’è stata subito sintonia, si sviluppò una connessione molto speciale e sembravano destinati a stare insieme.

Il primo appuntamento fu molto romantico, e Steve aveva decorato casa sua con candele e messo una musica romantica come sottofondo. Era il Dicembre del 2011 e Hopesi innamorò immediatamente di Steve. Quella stessa sera, Hope notò che Steve aveva difficoltà nell’aprire una bottiglia di vino, le sue mani tremavano e non riusciva ad avere il controllo sulla bottiglia.

Anche se il tremolio durò solo pochi secondi, Hope si preoccupò e non riusciva a capire cosa stesse succedendo. Steve ammise che si era fatto già visitare in passato da diversi medici, però nessuno venne a capo del problema.

Dopo essersi sottoposto a diverse analisi e visite mediche, dopo 4 lunghi mesi Steve ebbe la sua diagnosi. Aveva la sclerosi laterale amiotrofica, meglio conosciuta con il nome di SLA, o malattia di Lou Gerhig, una patologia per la quale non esiste cura. Le cause di questa malattia sono sconosciute.

Una persona che soffre di SLA, perde pian piano il controllo dei propri muscoli, rendendo i movimenti molto limitati, fino ad arrivare al punto di non poter più camminare, e si fatica a respirare e a deglutire. La SLA è una malattia devastante, e da quando emergono i primi sintomi, l’aspettativa di vita si aggira tra i 3 e i 5 anni.

La vitadi Steve, cambio radicalmente, e aveva paura che la sua relazione con Hope sarebbe finita da li a poco. Hope era davvero innamorata di Steve e i due decisero di sposarsi due mesi dopo la diagnosi dell’uomo. Nel 2013 Steve perse la capacità di parlare, e subentrarono altri problemi.

Steve perse 30 chili, e si vide costretto a letto incapace di camminare. I due si ritrasferirono nella loro casa in Georgia, negli Stati Uniti, ma le cose andavano sempre peggio, infatti il ragazzo non era più in grado a badare a se stesso, e la sua depressione certo non aiutava.

Ma Hope lo amava ancora e, nonostante i gravi danni causati dalla SLA, Steve non si dava per vinto e continuava a combattere. Utilizza una sedia elettrica per spostarsi e comunica con Hope attraverso un computer. I due ragazzi, con l’aiuto di Jeremy Brown, hanno fondato un associazione chiamata “drive”.

Si tratta di un progetto artistico, che permette a Steve di esprimere al meglio la propria creatività, creando dei pezzi astratti i cui proventi aiutano un’associazione di ricerca per la SLA. La cosa più interessante, è che Steve crea le sue opere, con la propria sedia a rotelle, creando delle cose incredibili.

Tutto questo per far capire che lui non si arrenderà mai, e la sua voglia di vivere supera anche le condizioni devastanti di quest