Ecco l’innovativa idea per lasciare che le ceneri dei nostri cari vengano conservate accanto a noi.

Home > Lifestyle > Ecco l’innovativa idea per lasciare che le ceneri dei nostri cari vengano conservate accanto a noi.

Quando viene a mancare un parente o un amico, si vive naturalmente un momento tristissimo. Il culmine della tristezza avviene quando dobbiamo seppellire i nostri cari. Ma in questo caso, l’addio o la sepoltura al defunto, diventa più “gradevole”. Una compagnia funebre di Seattle infatti, la Artful Ashes,

ha ideato un modo assolutamente innovativo ed anticonformista, per permettere ai defunti di passare a miglior vita. Quindi, il defunto non verrà ne seppellito, ne messo in un fornetto, ne cremato ma andrà a formare un oggetto a cui nessuno mai, fino ad ora a pensato. E come potete vedere nelle foto che seguono, ecco la rivoluzionaria idea della  Artful Ashes, che si basa sulla tecnica della soffiatura del vetro. Il compito di questa compagnia funebre di Seattle, è quello di prendere le ceneri dell’amato defunto, ma senza riporle in un urna funeraria. Le ceneri, infatti, andranno a formare delle magiche spirali, all’ interno di sfere o cuori di vetro, e questo è il segreto. “I nostri artisti, catturano l’essenza dello spirito dell’amato, in una spirale di colori e ceneri, incastonate per sempre in queste piccole opere d’arte” spiega il proprietario della compagnia.

E allora prendono vita sfere di mille colori, che tendono in modalità più scure oppure prediligere colori più chiari, a seconda dei desideri dei cari che custodiranno il ricordo del loro defunto, nelle loro case.

Non si tratta semplicemente di un modo alternativo per avvicinarsi al difficile argomento della morte, ma anche di conservare il ricordo vivo attraverso la vitalità del gioco di colori.

Ad ogni modo, non si deve per forza optare per la sfera. Infatti la compagnia, effettua dei magnifici lavori a forma di cuore in cui sono incastonate memorie indelebili.

E’ un modo questo, per non sentirsi più soli e per rivolgere alla persona amata un pensiero,

stringendo la sua essenza, nel palmo della propria mano.