Filmava segretamente la nipote ma nessuno sapeva che succedeva in quella casa

Ecco cosa è accaduto dopo.

Home > Lifestyle > Filmava segretamente la nipote ma nessuno sapeva che succedeva in quella casa

Geneva Robinson è una donna di 51 anni che vive in Oklahoma. Recentemente è stata condannata a tre ergastoli consecutivi per un reato davvero impressionate. La donna ha abusato per anni della sua nipotina, quando questa povera bambina ha vissuto insieme a lei nella sua casa. Un periodo che per la piccina è stato un vero e proprio inferno.

Geneva Robinson aveva convinto la bambina che nella soffitta viveva la strega Nelda, che mangiava i bambini che non obbedivano. Ma questa storiella sembrava non impaurirla abbastanza. E così la donna decise di fare una cosa davvero terrificante. Ogni tanto la nonna si vestiva da strega per terrorizzare la piccola bambina che all’epoca aveva solo 7 anni. La ragazzina urlava di paura, era letteralmente spaventata da quelle apparizioni che lei credeva reali e alle quali a volte si univa il compagno 33enne della donna, Joshua Granger, che ha anche interpretato il ruolo di un demone di nome Kugro. I due non si limitavano, però, a spaventare la bambina. Una notte la nonna le ha rasato completamente i capelli. A volte le spegneva le sigarette sulla sua pelle o le tagliava le dita con le forbici. E ancora, la picchiava sulla testa, le proibiva di andare a scuola, non la portava dal medico per curare le sue ferite. Ma sono stati proprio i dottori a salvarla. Quando la bambina riuscì finalmente a incontrare un medico, notarono numerose ferite sul suo corpo, interpellando le autorità competenti. In tribunale è stato portato come prova anche un video che aveva girato la stessa nonna.

La donna ha ricevuto tre ergastoli per pedofilia, mentre il compagno 30 anni di carcere per averla aiutata.

Il giudice ha mostrato le fotografie della ragazzina prima che l’inferno iniziasse e quelle successive.

Sulla sinistra c’era una bambina sorridente e felice, sulla destra una piccola con gli occhi tristi e i lividi sul viso.

Il giudice ha definito la nonna come assassina, per aver ucciso l’infanzia della nipotina.

Chissà che inferno ha passato!