Finisce al pronto soccorso, ma…

Un viaggio al pronto soccorso si è trasformato in un incubo per un giovane uomo californiano di nome Samuel Bardwell. Quando ci rechiamo in ospedale in cerca di aiuto disperato, di certo non ci immaginiamo che possa accaderci una cosa del genere. Il ragazzo è svenuto a terra dopo una partita di basket.


E’ stato portato di corsa in ospedale con l’ambulanza. Accusava intorpidimento e un forte dolore ed era spesso soggetto ad attacchi di ansia. Suo padre, preoccupato, non appena lo ha saputo, si è diretto in ospedale, per vedere se stesse bene. Ma dopo aver parlato con suo figlio, è rimasto sconvolto. Samuel gli ha chiesto di registrare, senza farsi vedere, ciò che gli faceva il medico, una donna, quando entrava a visitarlo. La dott.ssa Beth Keegstra, si divertiva a deridere e maledire il giovane. Lo maltrattava e lo accusava di fingere di stare male, solo per farsi somministrare quelle che per lui erano “droghe”. La dott.ssa nel filmato registrato, gli domanda se vuole essere riaccompagnato a casa con la barella e quando Samuel le dice che non riesce a respirare, lei, sarcastica, gli risponde: “Non puoi respirare? Wow! Devi essere morto! Sei per caso morto?” Grazie a questo video, sono state aperte delle indagini sul comportamento della Keegstra, che naturalmente è stata accusata e sospesa dal suo lavoro.

L’episodio è accaduto in California e l’ospedale in questione si è scusato con Samuel e la sua famiglia.

Le immagini sono state diffuse in rete e sono diventate virali, indignando centinaia di persone.

“Siamo rattristati e delusi dall’interazione non professionale del medico con il paziente nel video. Il medico è stato rimosso dal nostro programma di pronto soccorso”, ha dichiarato un portavoce dell’ospedale.