Giocare a tennis in una chiesa sconsacrata si può

Succede solo a Milano!

Home > Lifestyle > Giocare a tennis in una chiesa sconsacrata si può

Il tennis è un vero e proprio toccasana per la nostra salute: è uno sport divertente, che piace a moltissimi, complici anche i campioni e le campionesse di ieri e di oggi che ci fanno appassionare sempre più a questa disciplina. Il tennis è uno sport nel quale mettiamo in gioco la nostra resistenza, la nostra capacità di fare strategia, la nostra voglia di superare i nostri limiti. Ma se di solito si pratica al chiuso o all’aperto, su terra rossa o su un bel verde speranza, lo sapete che a Milano si può giocare a tennis in una chiesa sconsacrata?

In realtà l’idea non è poi così folle e, tranquilli, la chiesa è sconsacrata da tempo. E’ un edificio del 1600, che dall’Ottocento non viene più utilizzata per funzioni sacre, essendo stata sconsacrata. Nel corso della sua storia ha ospitato diversi eventi e ora ospita anche un campo da tennis.

Presso la chiesa di San Paolo Converso, in corso Italia a Milano è stata installata quella che è una vera e propria opera d’arte, ideata dall’artista americano Asas Raza, che, nel suo intento, vuole spiegare quanto sia importante il ruolo delle attività ricreative in una società troppo concentrata solo ed esclusivamente sul lavoro. E non ha tutti i torti!

Untitled (plot for dialogue)” è il nome dell’installazione che sarà aperta a tutti, in maniera del tutto gratuita, il giovedì, il venerdì e il sabato, dalle ore 11 alle ore 19. Si potrà giocare a tennis sotto gli affreschi del 1600 realizzati da Giulio e Antonio Campi, che raffigurano la conversione, il battesimo, il miracolo e il martirio di San Paolo Apostolo.

Il campo ha tutto quello che serve per giocare: linee e righe, rete, racchette e palline e anche due strade che, come antichi arbitri, vegliano sui giocatori che vorranno cimentarsi in una partita davvero molto suggestiva.

L’arte non è solo da ammirare, ma anche da vivere, diventando così parte integrante dell’opera stessa. Davvero geniale come idea, non trovate?