Giovane tredicenne affetto da due tumori contemporaneamente

Quando Deryn Blackwell aveva 13 anni, i medici gli avevano dato una terribile notizia: Il ragazzino adolescente aveva la leucemia e doveva iniziare delle cure il più presto possibile. Per un lunghissimo anno il giovane, con tutto il suo coraggio, affronta la malattia, ma le cattive notizie purtroppo non erano finite.

Non solo la leucemia persiste, nel frattempo il ragazzo contrae un’altra terribile malattia: la sarcoidosi. Si tratta di una malattia molto rara, se ne conoscono solo 5 casi al mondo, e Deryn soffre di due tumori distinti nello stesso tempo, una cosa mai successa. Il dolore per il ragazzo è insopportabile. La madre Callie ricorda quei momenti terribili così: “Le sue dita erano gonfie, nere e soffriva tantissimo. Una volta mi ha anche pregato di tagliargli le mani”. Le sue condizioni sembrano talmente disperate, che i medici sono poco speranzosi.  A Deryn non restano che due settimane da vivere. Viene anche trasportato in un reparto per malati terminali. E i genitori non riescono a guardare impotenti, decidono quindi  di fare una cosa per niente comune: somministrare della cannabis al figlio. Loro sanno dai medici che viene utilizzata per alleviare il dolore, ma dal momento che non ci sono studi sui minori, i medici non possono fare nulla.

Il ragazzo sta davvero male e i suoi genitori non possono restare a guardare.  E mentre alcuni personaggi famosi si alternano al capezzale del ragazzo, i genitori mettono in piedi un piano. Callie ha spiegato così i fatti:

“Non potevamo stare ancora a guardare. Così abbiamo preso una decisione che darebbe i brividi a molti genitori. Naturalmente abbiamo avuto dei momenti di esitazione”. Il padre prende un appuntamento e acquista la marijuana, rischiando anche di finire in carcere.

Nel frattempo le condizioni del giovane precipitano.  I suoi genitori sanno di non avere nulla da perdere, e quindi procedono a somministrargli la cannabis con un vaporizzatore (in modo che non ci siano i danni della combustione per il corpo).

E neanche un’ora dopo si verifica una sorta di miracolo: il dolore diminuisce, e il ragazzo riesce persino a parlare normalmente con la madre.Tutti i medici ed infermieri restano senza parole. La notizia più bella è che non morirà, questa storia è del 2013 e oggi Deryn ha 17 anni e sta bene.

Fonte: http://www.dailymail.co.uk