I cambiamenti climatici e un nuovo sintomo dell’era: l’ansia ecologica

I cambiamenti climatici e un nuovo sintomo dell'era: l'ansia ecologica. Le informazioni eccessive sugli eventi climatici e l'urgenza con cui vengono trasmesse portano un nuovo fenomeno: l'ansia ecologica o la "paura cronica di un cataclisma ambientale".

“Gli adulti dicono sempre che hanno il dovere di dare speranza ai giovani. Ma io non voglio la loro speranza. Non voglio che ci parlino della speranza, voglio che si facciano prendere dal panico.” Queste sono le parole dell’attivista svedese, Greta Thunberg, durante il World Economic Forum di Davos nel gennaio 2019.

Sia il discorso di Greta – urgente, ma essenziale per l’azione – sia le informazioni sui media e sui social network, portano un sentimento di panico sull’entità della sfida del cambiamento climatico. L’onere generalizzato è tale che il fenomeno ha già un termine: “eco-ansia” .

Secondo l’American Psychological Association, l’eco-ansia è la ” paura cronica di subire un cataclisma ambientale”, generata dal “osservare l’impatto apparentemente irrevocabile dei cambiamenti climatici e preoccuparsi del futuro di se stessi e delle generazioni future”.

“Possiamo dire che un numero significativo di persone è stressato dai potenziali impatti dei cambiamenti climatici e che il livello di preoccupazione è in aumento”, afferma Susan Clayton, professore di psicologia e studi ambientali al College of Wooster, un college dell’Ohio. Alcuni dei sintomi che definiscono il fenomeno sono la preoccupazione costante, una sensazione di annegamento, sopraffazione e un pensiero ripetitivo che ruota attorno alla paura che ciò che temiamo si realizzi.

COME POSSIAMO COMBATTERE L’ANSIA ECOLOGICA?

Lo scienziato Owen Gaffney, autore di uno studio che descrive in dettaglio i passi concreti che i governi, le aziende e gli individui possono adottare per combattere il riscaldamento globale, afferma che “non dobbiamo dimenticare che le nostre azioni individuali possono avere un impatto positivo sul pianeta” . “L’eco-ansia è la risposta giusta all’entità della sfida”, ha affermato Gaffney.

Un buon modo di lavorare l’ansia sta trasformando l’angoscia generalizzata in azione. Mentre l’analista Duncan Geere sostiene che “la più grande responsabilità nel produrre grandi cambiamenti spetta ai leader politici e agli uomini d’affari”, raccomanda tre azioni concrete che possiamo intraprendere come individui per aiutare a combattere il riscaldamento globale e controllare la nostra ansia.

“In primo luogo, pensa ai cambiamenti climatici quando decidi cosa mangi, come viaggi e cosa acquisti; in secondo luogo, parla di cambiamenti climatici con i tuoi amici, la tua famiglia e i tuoi colleghi; infine, richiedi azioni da politici e aziende con i meccanismi che hai a portata di mano “, conclude.

Dall’adesione a un’organizzazione sociale, una fondazione o un gruppo che condivide le nostre stesse preoccupazioni, alla scelta di una causa e al contributo da noi stessi: fare il compost in casa, pulire le spiagge, mangiare meno carne o manifestare in proteste di massa. Tutto si somma, sia per la nostra salute mentale che per il pianeta.

Le persone con Rh negativo non sono di questa terra?

Il motivo dello stomaco sempre gonfio

Il motivo dietro la morte di Jessica Cain

L'Acquario, il segno più intelligente dello zodiaco

Quattro consigli per non far soffrire la schiena mentre dormi

Ragazza di 17 anni pubblica l'ecografia di sua figlia: "mai visto nulla del genere"

"Io devo andare al matrimonio di mia sorella..."