Chi sono i peggiori utenti di Whatsapp

Una lunga lista del peggio che Whatsapp ha da offrirci

 

Chi ha fatto davvero fortuna nel business delle app negli ultimi cinque anni deve sicuramente dire grazie alle app di chat istantanea, Whatapp per prima. Questa è talmente presente nella nostra vita che ormai per distinguere i vari tipi di persone con cui abbiamo a che fare, invece di identificarli con un classico aggettivo, li cataloghiamo in base al loro modo di messaggiare su Whatsapp.
Siamo certe che in questa nostra lista vi nascondete voi e le vostre nemesi!

Quelli che usano troppe emoticon

Ci sono due tipi di persone che abusano delle emoji: chi ne usa semplicemente troppe (due cuoricini sono sufficienti, venti sono un po’ esagerati) e altri che le utilizzano per creare vere e proprie frasi di senso compiuto: queste persone hanno portato la comunicazione su un nuovo livello,  rendendo le nostre chat simili a dei rebus, roba che ci fa rimpiangere la settimana enigmistica. Nuova frontiera linguistica o pigrizia?

maxresdefault (1)
Sul serio, troppe.

Quelli che usano troppi punti esclamativi

Vi ricordate quando la maestra alle elementari vi faceva leggere ad alta voce e vi diceva di mettere enfasi sulle frasi che finivano con il punto esclamativo? Il punto esclamativo serve a appunto a quello. Ma se lo mettete alla fine di ogni frase, tipo “Oggi vado a fare la spesa!”, ha poco senso e soprattutto vi fa sembrare irritantemente positivi.

Quelli che non usano la punteggiatura

Ora, non dobbiamo scrivere un saggio, ce ne rendiamo conto, ma un minimo di punteggiatura, un punto, un virgola, ogni tanto possiamo metterlo, no? I messaggi scritti tutti in minuscolo senza la punteggiatura sono un incubo da leggere, specialmente quando in mezzo ci sono delle domande… ovviamente senza punto interrogativo.

Quelli che scrivono sempre in maiuscolo

Questa è una delle regole basi del galateo della chat da sempre. Chattare in maiuscolo è forse uno dei crimini contro la comunità tecnologica più grave che esista: se ricevete un messaggio così e non ve la sentite di rispondere siete autorizzate a non farlo.

ios_71_shift_key_state_screens
Anche le chat hanno il loro galateo

Quelli che scrivono 15 messaggi in 3 secondi

Ognuna di noi ha una reattività motoria differente, dipende dai nostri neurotrasmettitori, dai muscoli, dalla coordinazione, ma sul pianeta esistono persone capaci di scrivere ininterrottamente a una velocità sconvolgente. Ancora oggi la scienza non ha scoperto il segreto di questi super umani, ma confidiamo che prima o poi la verità venga a galla.

Quelli che “sta scrivendo…”

Li aspettavate, lo sappiamo. Tutte, e ripetiamo tutte, abbiamo almeno un contatto che per scrivere un semplice messaggio ci mette anni: interminabili minuti passati a fissare lo schermo e quella maledetta scritta che ci suggerisce che la persona dall’altra parte sta rispondendo. La cosa che sconvolge di più? Due minuti di sta scrivendo… per poi ricevere un messaggio tipo “Va bene, a dopo. Ciao!” Ma che cos…?

Screenshot_2014-11-20-16-56-591
Sta scrivendo…

Quelli che non rispondono

Anche qui abbiamo un grande classico da ulcera allo stomaco. Messaggio spedito, messaggio visualizzato, ultimo accesso dopo aver visualizzato il messaggio e dopo il nulla. Ora, capiamo ci siano momenti in cui non si può sempre rispondere a un messaggio, ma se hai avuto tempo di entrare sulla chat per leggerlo perché non scrivere almeno “ti rispondo appena posso”? Ragazzi, che problemi avete?

Quelli che lottano con il correttore automatico

Ognuno deve ammettere i propri peccati e chi sta scrivendo questo articolo confessa il suo: ho seri problemi con il correttore automatico. Questa particolare categoria di messaggiatori non riesce ad accettare il fatto che nella fretta di scrivere un messaggio il cellulare possa fare di testa sua e scrivere una stupidata: videro invece di video, suo invece di sto e così via. Il problema? Quella serie infinita di messaggi successivi al principale con asterisco, perché nessuno si piegherà mai di fronte al correttore automatico (certo, potremmo anche disattivarlo, ma poi chi corregge gli errori grammaticali che facciamo?)

Quelli che i messaggi vocali

L’introduzione dei messaggi vocali è stata una bella idea, lo ammettiamo: se hai le mani impegnate o sei di fretta un messaggio vocale è perfetto (capito persone che non rispondono? Oh, potete anche rispondere così!). Ovviamente nel giro di poco quella che doveva essere una bella idea è degenerata miseramente, intasando Whatsapp di messaggi vocali inutili: “non posso ascoltare il messaggio, sono al lavoro. Mi scriveresti in chat?”. Risposta: messaggio vocale 00:03.

maxresdefault
Non abusate dei messaggi vocali

Quelli che aprono gruppi in continuazione

Uno o due gruppi ci stanno: amici, famiglia, lavoro, classe del liceo sono tutti gruppi accettabili e che hanno una loro utilità (da ex capoclasse ripenso sempre a quanto sarebbe stato facile organizzare le interrogazioni programmate con una chat Whatsapp a disposizione, ndr), ma iniziare un gruppo per tutto no. Qual è stato il gruppo più assurdo a cui vi hanno invitato?

Quelli che scrivono poemi

Eravamo combattute: potevamo inserire quelli che scrivono messaggi lunghissimi, oppure quelli che scrivono tutto con la K. Alla fine abbiamo optato per la prima categoria, perché i primi sono effettivamente persone che usano in modo improprio le chat istantanee (se è istantaneo devi essere un attimino conciso e veloce), gli altri sono solo casi umani irrecuperabili.

Quelli che messaggiano mentre camminano

Questa interessante categoria di persone non è così fastidiosa nel momento in cui ci state messaggiando assieme, magari è un po’ distratta, quello sì, ma abbiamo deciso di includerla pensando ai mille automobilisti che ogni giorno rischiano di investire persone svampite che si aggirano ai margini delle strade con un iPhone in mano. Se vale la regola “non usare il cellulare mentre guidi”, dovrebbe valere anche quella “non usare il cellulare quando cammini per strada”!

Quelli che non rispondo alle telefonate, ma ti scrivono

Come dicevamo per i messaggi vocali, non sempre abbiamo tempo di scrivere e quando il messaggio da comunicare si fa lungo una telefonatina è sempre la miglior cosa. Esistono però persone che rifuggono le telefonate, che non amano parlare al telefono (non si sa bene per quale trauma infantile,  magari i genitori lo picchiavano con un vecchio telefono SIP, quelli belli pesanti) e quindi ti scrivono, iniziando il messaggio con “ho vista la tua chiamata ma *inserire scusa random poco credibile*.

 

 

E voi, chi non riuscite proprio a sopportare tra queste persone, ma, soprattutto, riuscite a identificarvi e ammettere i vostri peccati di Whatsapp?

 

 

Credits: tuttoandroid.net, imore.come, youtube.com, androidpit.it, businessinsider.com, sharonshamladesign.wordpress.com