I segnali che il corpo manda quando si sta formando un cancro

Mai sottovalutarli!

Home > Lifestyle > I segnali che il corpo manda quando si sta formando un cancro

E’ possibile accorgersi di un cancro che si sta formando nel nostro corpo? Spesso si tratta di un male subdolo che si insidia nel nostro organismo senza sintomi che ci possano creare un campanello d’allarme. Altre volte, invece, il nostro corpo manda dei segnali che però nella maggior parte dei casi non teniamo in considerazione.

Si tratta spesso di sintomi comuni ad altre malattie più lievi, per questo non ci facciamo caso. Eppure il nostro organismo è sempre pronto a inviarci i segnali più utili per capire che forse c’è qualcosa che non va. Ci sono almeno 7 segni che il corpo ci invia e che dovremmo tenere maggiormente in considerazione, parlandone subito con il nostro medico di fiducia.

1 Tosse:

il cancro si può sviluppare nel polmone, nella gola, nell’esofago, nello stomaco. La tosse persistente dovrebbe sempre darci l’allarme. Forse non è una semplice malattia, ma c’è qualcosa di più.

2 Cambiamenti nella voce:

il cancro che si forma nella laringe fa cambiare il tono della voce. Se notate alcune modifiche, contattate il medico.

3 Sanguinamenti:

il sangue che non si spiega e che non ha motivo di esistere deve sempre essere un campanello dall’allarme. Dall’utero, dai capezzoli, da naso, orecchie, ano, con un colpo di tosse.

4 Cambiamenti nelle abitudini di minzione:

la vescica deve funzionare con regolarità, alcune modifiche possono indicarci che c’è qualcosa che non va nell’organismo!

5 Cambiamenti dei movimenti intestinali:

qualsiasi differenza nelle feci che dura per più di due giorni dovrebbe essere un campanello d’allarme. A maggior ragione se vediamo sangue o altre sostanze.

6 Difficoltà a deglutire:

ogni aspetto che riguarda il processo digestivo che non va come al solito deve preoccuparci.

7 Grumi nella lingua o nella bocca:

ma anche in gola, devono essere sempre un importante campanello di allarme che ci deve portare a chiedere un approfondimento dal nostro medico di fiducia.